quattro chiacchiere sul lesso, spuma di prosciutto e fristingo

Chi sa fare dei post impegnati . . .  Chi sa fare dei post culturali . . .  Chi sa fare dei post cerebrali! . . . Essendo una gran golosa . . . e leggermente narcisista, vi propinerò un post gastronomico . . 😉

La cucina è legata al territorio, alla cultura , alla tradizione famigliare . . . e partendo da questo, che è ovvio . . . parliamo del lesso . . . E’ da tanti anni che la sottoscrita non mangia un lesso come si deve, all’uomo della sua vita, la carne bollita, proprio non va, fa ammalato (gallina lessa),  fa senso (le ossa con i nervetti . . . invece nel sugo sì), fa schifo, in poche parole . . .! Allora, che fa una povera donna, si adatta e medita la rivincita! Al primo dell’anno, è tradizione che tutta la mia famiglia si riunisca a casa mia,  per cominciare insieme l’anno! Il menù è abbastanza scontato, ma quest’anno, oltre il tradizionale trittico: polenta, zampone e lenticchie . . .c’erano i tortellini in brodo . . . e c’era un bel pentolone con vari tagli di carne, la lingua, un bel po’ d’ossa, e nervetti inclusi, il tutto in un brodo fumante . . . Tutti i componenti lombardi della famiglia, si sono letteralmente buttati a capofitto in tanta abbondanza, accompagnata da maionese, senape, e  . . . mostarda di cipolla, in sostituzione della Mostarda di Cremona, che la sottoscritta, avendoci pensato tardi, non ha trovato nei vari super mercati della zona . . . avrei dovuto anche fare la salsina con prezzemolo e l’aglio . . . avendo anche chiesto in giro la ricetta! Ma come  vi ho già raccontato . . . c’era già tanta roba e il tempo era poco . . . Tutto bene, a tutti è piaciuto un sacco, anche lui, alla fine ha capitolato!

Una cosa che mi proccupa nei pranzi, con i bambini, è che questi, mangiano qualche antipasto, un po’ di primo, e poi, scappano di qua e di là . . . con le mamme preoccupate che possano morir di fame . . . io ho la mia arma segreta . . . Spuma di Prosciutto  . . . un fondo di prosciutto, pulito da nervetti e grasso . . . uovo sodo, panna da cucina, sale pepe e noce moscata qb . . . per chi vuole più sapore,  acciughe, capperi e cognac . . . tutto frullato molto fine . . . e poi in frigor! Servire su pane bruschettato, e tiepido (a me piace così, ma i nipoti, lo mangiano anche a cucchiaiate, come la Nutella) . . .  Cercate di non farlo provare mentre lo preparate, altrimenti, a forza di "non so se c’è abbastanza sale!" . . ."Non ho capito se si sente la noce moscata!" et similia, ve lo smezzano prima del tempo, lo so per esperienza!     Le dosi? Adesso non ho sottomano il ricettario, ma se volete potete fare a occhio, altrimenti fate richiesta, vi mando la ricetta precisa !!!

Il dolce di Natale, per me è sempre stato il panettone . . ., ma da quando sono qui, in territorio "papalino", non c’è Natale senza il "fristingo" . . . Una bomba calorica, un mattone morbido e dolce . . . una cosa, che prima di essere un cibo, è un rito!  Ogni zona delle Marche ha la sua ricetta (come  per il brodetto), ognuno è convinto che il suo è più buono e unico (come per il brodetto), ci si mettono ingredienti diversi fra loro (come per il brodetto) . .  ., ma il paragone finisce qui! Il pesce per il brodetto, dev’essere fresco, cucinato in fretta e mangiato subito . . . Invece, mia suocera preparava il fristingo iniziando dall’estate, quando raccoglieva (o faceva raccogliere al figlio) i fichi neri . . belli cicciotti e li faceva seccare al sole, alla seconda produzione, di fichi più piccoli, li seccava al forno, poi, per essere sicura che non si rovinassero, li metteva sotto Rum o liquori vari, . . . all’inizio di dicembre, la metà dei fichi veniva tagliata grossolanamente, gli altri, col trita carne . . ., poi, ogni giorno, aggiungeva uno o due ingredienti, e girava l’impasto . . . più volte al giorno e se passavano i figli, gli faceva dare una voltata anche a loro! Insomma, quando aveva aggiunto: cioccolato grattato, cacao, caffè, noci, mandorle tostate, uvetta, buccia di arancio, (delle sue piante), canditi vari, mosto cotto, rum, farina di tritello, zucchero, sale e olio; con tutti gli ingredienti, ridotti in parti piccole piccole e ben mischiate, compattate, unte e stra-unte . . . prendeva delle pentole vecchie, larghe una spanna o più e alte più o meno lo stesso, ben unte, ci pressava dentro questo impasto, ungeva ancora un po’, e decorava il tutto di mandorle tostate . . . che formavano dei fiorellini! Si portavano le pentole al forno e si ripassava dopo un paio d’ore, il fristingo era cotto!  La prelibatezza non poteva essere assaggiata prima della vigilia . . ., ma nel frattempo (se non si voleva schiattare) ogni giorno bisognava farlo asciugare . . . dall’olio, per cui, cambiargli la carta sotto, e aspettare pazientemente! Devo dire, che  quello che, adesso che la suocera non c’è più,  mi regala mia cognata è più "light"! E c’è un’altra cosa che mi preoccupa, i figli non amano questo dolce, mio marito lo gusta a piccole dosi, e io, per paura che si rovini . . . mi sacrifico e lo mangio a tocchi! 😉

Adesso, non pensate che io sono ingrassata così perchè mi piace mangiare . . . è la costituzione, il metabolismo . . . l’ansia, . . . lo stress . . . 😉

 

Pubblicità

26 pensieri su “quattro chiacchiere sul lesso, spuma di prosciutto e fristingo

  1. eccomi! Auguri di un semplice anno nuovo! tempo qualche giorno e recupero tutte le cose buone (ho letto qualche assaggino..) che hai scritto sul tuo blog!

  2. La cucina, come ogni attività umana, è culturale, cara fiordicactus. E ne ho le prove.
    Ma bando alle ciance.
    In futuro, ti possiamo mandare i pensierini. Vedrai che non avrai bisogno della spuma di prosciutto, ma di un fido in banca.
    Questa cosa del fristingo mi affrange. Mio padre era marchigiano, la nonna di Crosta era marchigiana e non sapevo nulla del fristingo. Non c’è dubbio: abbiamo tagliato le nostre radici e dobbiamo ristabilirle al più presto. 😀

  3. sul “lesso” concordo con il marito.
    pienamente!!!!
    l’unico modo in cui posso pensare di cibarmene è opportunamente triturato, mischiato a uova, pane e formaggio…. le polpette, insomma!!
    quella spuma di prosciutto….slurp!!
    sono certo che il fristingo è qualcosa di straordinario!!!!
    ma, a giudicare dagli ingredienti e dalla preparazione, immagino che ne facciate un paio a inizio anno e con quelli sfamate tutto il paese fino a primavera inoltrata

  4. Per Simo,
    Eh! Eh! Eh! . . . , :-*
    per Apo e Tano,
    Ti aspetto . . . quando vuoi! :-*
    per Anonimok,
    aspetto voi e i pensierini . . . 6 dei vostri più i 6 nipoti . . . ci si diverte . . .! 😉
    E voi, marchigiani nella capitale (credo che ce ne siano più lì, che qui . . .), ma originari di . . . dove?
    Ciao a tutti, R

  5. Rosy, come mai noi proprio noi cicciottelle sappiamo parlare così bene del cibo, direi con amore? M’hai fatto venì fame….. anche se sono vegetariana…

  6. Che acquolina! Complimenti proverò sicuramente la spuma di prosciutto per il resto siamo andati in overdose da lesso per il Natale la mia mamma parmense ce ne ha preparato vari pentoloni, ed il Fristingo lo lascio per il Natale prossimo adesso tassativamente DIETA ! Buona settimana

  7. Questo post è un colpo basso al mio intento di perdere 2 kg. Arghh!Concordo sul fatto che il cibo ha un legame strettissimo col territorio e con la cultura del luogo. Quindi, mia cara, anche non volendo, hai fatto un post culturale anche tu ehehe 😉

  8. Per Gio’,
    scusandomi, che oggi ho visto il tuo commento quando ormai avevo scritto l’altro . . . 😉
    mio marito apprezza molto il tuo sostegno nella sua battaglia anti-lesso! 😉
    In quanto al fristingo, ti posso dire che io, anche se mio marito mi ha sabotato nascondendolo, ho finito quello che ci ha regalato sua sorella, da Natale all’Epifania . . ., mia cognata, (l’altra) si e no che l’ha iniziato, ma sono riuscita d estorcerle la promessa che se, per venerdì non l’ha finito, me ne da un bel pezzo, da portare, dove tu sai, per farlo provare . . .! 😉
    per Orty,
    anche per i vegetariani, abbiamo delle buone idee . . . e un orto casalingo e bio! .-*
    per delphine 56,
    anch’io a dieta, ma i dolci che ci sono qui? 😉
    per BenedettoE,
    grazie degli auguri! 😉
    per Marcello, nella tenda,
    Culturale? Se lo dici tu . . . io pensavo culinario! :=>
    Se devi perdere 2 Kg., sei ancora bravo . . .! 😉
    Per RearWindow,
    E’ talmente facile che hanno iniziato a prepararla i nipotini . . . provala e poi fammi sapere!
    A tutti, ciao e buona notte R

  9. la spuma al prosciutto effettivamente la vedo mooolto appetibile pure io…seeeenti visto che rischiamo persino di incontrarci di persona…non è che faresti una fotocopia anche per me? Quando deciderò poi di tornare a casa magari la provo.
    😉

  10. Per Marta,
    consideralo già fatto! :-*
    per Julia,
    non si ingrassa solo leggendo . . ., ma se vuoi, mado la ricetta anche a te! 😉
    Baci, carissime, R

  11. eheheh, quanti bei piatti!
    Il lesso lo adoro, anche se ogni volta che lo mangio, mi pento.. :-(( il mio stomaco non lo accetta. Ma stoicamente continuo a mangiarne. La spuma di prosciutto, mai assaggiata, ma dovrebbe essere squisita.
    Il fristingo, no, proprio non ne mangerei. Non amo mangiare dolci complessi, diciamo, ma quelli semplici li adoro e del gelato non riesco a farne a meno….che buono prima, durante e dopo i pasti, in tutte le stagioni.
    Il mio dolce preferito è: millefoglie alla crema Chantilly una bomba ma quanto è “bona”.
    Morale della favola, anche io sono una taglia XXL e ne sono proprio contenta. Se fossi magra, avrei una crisi di identità… e il mio nick cambierebbe in “dissu!?”.. no, non è il caso.
    Ciao a presto.
    diggiu

  12. Un caro saluto a Rosanna ed ai suoi commensali.
    Chi diceva “caro salutis cardo”? Da giovane, pensavo che fosse un vegetariano; poi ho scoperto che i cardi non c’entrano. È la ciccia il cardine della salute. Ed ora, dopo la confidenza di Diggiu, posso confessarmi XXXL.
    Del resto, anche Lui s’è fatto carne.

    Oscar

  13. Gulp!
    Ad una prima occhiata data al titolo del post, ho letto: «Quattro chiacchiere sul sesso…»
    Sono proprio fusa!!!

    Comunque, sono piacevolissime anche le chiacchiere sul lesso. Slurp!
    🙂

    Ciao
    Cuoredipizza

  14. Per Diggiù,
    Come dice Ortensia, come parliamo noi cicciottelle del mangiare . . . 😉
    per Romins,
    anch’io … 😉
    per Oscar,
    adesso che abbiamo anche la citazione in latino . . . possiamo andare tranquilli . . . dal dietologo! 😉
    per Cuore,
    la prossima volta, scrivo “bollito” così non ci sono equivoci . . . certo se mettessi “quattro chiacchiere sul sesso” . . . penserbbero che sono fusa io! 😉
    A tutti, ciao e bacioni R

  15. oggi sono riuscita finalmente a leggere bene e con calma il tuo post, divertente e … che fame! tutte ricette golose. ora provo con la spuma di prosciutto per i miei bambini anche se loro mangiano come leoni … insomma non muoiono di fame! grazie per le ricette baci da cicolita

  16. si si l ‘ansia stress e balle varie…..a me piace ma è troppo dolce per i mie gusti …ah le nonne ci sono dei piatti che non sono più gli stessi senza di loro!la nr.1

  17. Ma con “quattro chiacchiere sul sesso”, sai quante visite attireresti? 😀
    Probabilmente bastano già i nostri commenti…

    Poi potresti fare tutta una serie di variazioni: “quattro chiacchiere sul fesso”, “quattro chiacchiere sul gesso”, “quattro chiacchiere sul messo”, “quattro chiacchiere sul nesso”, per concludere in bellezza con “quattro chiacchiere sul…”
    Vabbé, scusa, giornata pesante e mi sono sfogato

  18. Per Cicolita,
    provala, si tratta solo di mettere tutto nel frullatore e schiacciare il bottone, ma se vuoi la ricetta, dimmela, che te la mando! :-*
    per la n° 1,
    un po’ di rispetto, signorina! :-*
    Quanto riguarda il fristinco e le nonne, sono d’accordo con te!
    per Anonimok,
    i vostri commenti non li scambierei con 100 di altri . . ., e ti ringrazio per gli spunti . . . “quattro chiacchiere sul ” e poi, a scelta, è un’idea, adesso però, sono impegnata . . . con “quattro chiacchere su Bivignano e i suoi ospiti”! 😉
    Ciao, R

  19. uhmmmmmmm..che tuo marito sia un gemello del mio? I tortellini, la loro morte è nel brodo di carne..va bene…facciamo il brodo, e dopo? chi si mangia la carne lessa? Sempre io, però…guai se non ho il brodo di carne buono e grasso in frigo per i tortellini

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...