W la Geografia

Mi piace viaggiare, mi piace la gente, mi piace scoprire altri modi di vivere, mi piace la GEOGRAFIA, fin dalle elementari, quando la nostra maestra ce la "raccontava" facendoci fare quasi dei viaggi virtuali.
Alle medie, ricordo, capii la relazione fra territorio, clima, insediamenti umani e tutto quello che ne segue e ne rimasi affascinata.
Da teenagers, dopo aver visto un film, sognavo solo di avere la patente e un pulmino Wolkswagen per poter girare l’Italia daTrieste a Ventimiglia . . . ma è rimasto un sogno.
 


E per tutta la vita, visto che
non ho il Deposito di Zio Paperone a disposizione, ho viaggiato più con la fantasia che realmente.

Da un po’ di anni a questa parete si sente dire che, si vuole abolire l’insegnamento della Geografia nelle scuole, per me che ho ancora per casa i mitici Atlanti della De Agostini, è una pugnalata ogni volta che ne sento parlare, ho trovato questa lettera, in rete, penso che sia condivisibile da molti!

"Al Ministro dell’ Istruzione, dell’Università e della Ricerca
Signor Ministro, in merito alla Riforma della Scuola Secondaria Superiore che prevede una forte penalizzazione, se non l’eliminazione in alcuni indirizzi , della Geografia, Le chiedo di riconsiderare questa grave decisione.
La formazione di un cittadino globale passa oggi attraverso questa materia, che da tempo non è più un’arida e nozionistica serie di numeri e di toponimi, ma una scienza interdisciplinare sempre più utile a “leggere” e quindi a comprendere la complessità dei fenomeni sociali, economici, politici e ambientali che caratterizzano il nostro Mondo.
La Geografia spiega il rapporto tra uomo e ambiente, che è sempre più indispensabile in un’epoca di cambiamenti climatici e di crisi energetica ed ambientale.
La Geografia ci aiuta a capire le connessioni tra città e territorio in un Mondo e in un Paese sempre più urbanizzati.
L’insegnamento della Geografia è strategico per la competitività economica del nostro Paese in quanto forma giovani educati alla globalizzazione, alla conoscenza dei fenomeni socio-economici e alla complessità dei problemi del Pianeta.
La Geografia ci aiuta a comprendere l’importanza della tutela del paesaggio (peraltro prevista anche dalla Costituzione) nel Paese che ha il più alto numero di siti riconosciuti dall’Unesco e che ambisce, a parere anche della Sua collega Brambilla, a tornare ad essere la prima meta turistica del mondo.
Le chiedo quindi, a distanza di pochi giorni dall’approvazione di questa importante Riforma, che la Geografia sia reintrodotta nei curricoli in cui ne è stata prevista l’eliminazione per non privare gli studenti, futuri cittadini, di saperi assolutamente irrinunciabili, se vogliamo ch’essi possano essere attori creativi e non solo spettatori passivi nel complesso teatro del Mondo.
Distinti saluti. "

È vero che, leggendo qua e là le (dis)avventure degli insegnanti delle medie, mi chiedo se le nuove generazioni, che arrivano all’Università e devono essere di nuovo istruite sull’uso della lingua italiana, possano essere "educati alla globalizzazione, alla conoscenza dei fenomeni socio-economici e alla complessità dei problemi del Pianeta" . . . ma sono ottimista e voglio pensare che almeno un paio per classe ne avrà beneficio.

Io, per parte mia, sono sempre interessata ai viaggi, alla gente e ai dolci che posso trovare in giro . . . per cui mi sto interessando al prossimo fine settimana libero dell’Uomodellamiavita, tempo permettendo . . . dove andremo?

Annunci

12 thoughts on “W la Geografia

  1. Ma che caxxata è mai questa? Fra poco si eliminerà la storia, la lingua italiana, la matematica ecc. ecc. ecc. Poi ci lamentiamo dell’ignoranza imperante. Sono favorevolissima allo studio della Geografia, non fine a se stessa, o limitata a un elenco infinito di nomi o numeri,  ma come interdisciplina. Comprendere i popoli, le diverse culture,  le zone climatiche, le colture, la morfologia di un territorio, gli usi e le tradizioni legate alle latitudini e longitudini del nostro pianeta e così via. Se continiamo a togliere discipline si impoverirà, per prima la nostra capacità di memorizzare, e poi la capacità di orizzontarsi.  Io ricordo ancora il mio prof di Geografia. Ci ha fatto amare anche la geografia economica. Ma la curiosità di conoscere luoghi, città, montagne o fiumi, localizzandoli correttamente lo devo alla mia vecchia maestra elementare. Io, a mia volta, ho trasmessa la passione per la geografia a mio figlio. Lui non si limita a studiarle le cartine ma a verificare se quello che sa esiste realmente, data la sua grande passione per i viaggi.
    Un abbraccio e aspetto con impazienza il tuo prossimo viaggio con l’UDMV!
    😉  diggiu

  2. la penso come diggiù , chissenefrega dell’area delle marche di quanteo è ptofondo il tronto e quanti lavorano nel settore terziario ! la geografia come materia va bene ma fatela piacere ai ragazzi ! ora vi saluto perchè il piccolo lord dormiva e si è segliato piangendo …vado a coccolarlo ! baci
    la nr.1

  3. Da amante della geografia fin dalla primissima infanzia non posso che essre contrario alla sua abolizione nelle scuole.
    Ricordo le bellissime ricerche fatte a scuola su enciclopedie e atlanti, ricordo ancora le ricerche portate all’esame di 5° elementare:
    Italia – l’Abruzzo
    Europa – la Cecoslovacchia
    Asia – la Turchia
    Africa – l’Etiopia
    America del Nord – il Canada
    America Centrale – l’Honduras
    America del Sud – il Cile
    Oceania – la Nuova Zelanda
    Tra i 14 e i 18 anni conoscevo a memoria le capitali di praticamente tutto il mondo.
    VOTO CONTRO L’ABOLIZIONE DELLA GEOGRAFIA NELLE SCUOLE!!!

  4. Boooooooooooooon Joooooooooour Signora!

    Inorridisco ogni giorno di più e rimango sbalordito dalle giornaliere iniziative di questo Governo che elabora provvedimenti che neanche la più contorta delle menti potrebbe mia sognarsi solo di pensare.

    Io mi chiedo se la Gelmini si rende conto della sua inettitudine e della sua completa incapacità a ricoprire un incarico che dire abbia una importanza fondamentale per il futuro del nostro Paese, non è una corbelleria.

    Dovrebbe restituire il suo compenso ai cittadini, con tanto di interessi e risarcimento dei danni!!!

    All’uopo sul mio blog, Signura, la avviso che ho aperto un sondaggio e sarei felice che partecipasse, manifestando il suo pensiero.

    il titolo è: La Mega Stronzata del Mese!

    Saluts

  5. "La geografia è più importante della storia perché la contiene"

    Se la legge Mary Star elimina anche la storia :-)))

    (.. adoro quel mezzo di trasporto!!!.. E adoro viaggiare. )

  6. Per Diggiu,
    invidio tuo figlio e i ragazzi d’oggi, molte più opportunità di viaggiare!

    Per la n° 1,
    ecco, un po’ di coccole e un po’ di Geografia!

    Per Paluca,
    forse è quello, si facevano le ricerche, si scriveva alle Ambasciate, ai Comuni, alle ProLoco, per avere materiale . . . adesso, copia/incolla da Wiki e, mi dicono, copiano anche male senza controllare o leggere!

    Per Sup,
    speriamo ci ripensi, che la consiglino meglio la nostra Ministra . . . come dici tu, il suo è uno di quei Ministeri importanti per il futuro.

    Per Delphine,
    se uno vuole, sottoscritta con Nome Cognome e Città, la lettera la può spedire a: segreteria.particolare.ministro@istruzione.it 

    Per Gchick,
    bella frase . . . le due materie che, assieme a matematica ho sempre amato!
    Sapessi quanto mi ero preparata per la mia "circumnavigazione" dell’Italia in pulmino e tenda!

    Ciao a tutti, R

  7. io odiavo geografia XD
    o meglio, mi piaceva solo la parte "scientifica" ; per il resto, della geografia delle medie e di prima liceo ricordo solo: il film "Gandhi" di sir Richard Attenborough del quale ho dovuto fare il riassunto per punizione; il film "The Mission" di Roland Joffé e altro riassunto; un’interrogazione il 12 gennaio 1993 in cui feci scena muta e un compito il 15 gennaio successivo in cui recuperai tutto il programma del primo quadrimestre, con definitivo 6 in pagella.
    Dalla seconda liceo in poi, non avremmo più avuto geografia, in favore di scienze. I miei compagni si disperarono perché l’insegnante era molto severa: io stappai lo champagne!

    Marco

    ps: questa è, ovviamente, solo la mia esperienza XD

  8. Riporto il commento lasciato da delphine: pensa quando dovranno andare alle Canarie e non sapranno da che parte andranno del globo, non sapranno cosa mettere in valigia…che tristezza

  9. Per Marco,
    certo che ci si sono messi d’impegno a farti odiare la Geografia!
    Benvenuto da queste parti!

    Per ZiaCris,
    so di qualcuno che è atterrato al caldo dei Caraibi, vestito da Europa al freddo!

    A tutti e due, buona giornata, R

  10. Anche io sono stata "amante" della geografia fino al giorno in cui per spiegare un territorio di una regione italiana (circa 20 righe) ho impiegato un intero pomeriggio con "Brontolo" che non ha fatto che ripetere: "tanto io non ci andrò mai lì!". Tra l’altro, a due anni di distanza, il mio Principe sta continuando anche a quest’ora un’ulteriore lezione serale sempre con lo stesso "nano".
    Va bene che ogni figlio ha una capacità diversa e sicuramente non sarò la persona più adatta a spiegare semplicemente le cose..ma come si fa a INCULCARE IN UN CERVELLO CHE NON E’ IL PROPRIO CHE E’ NECESSARIO UN MINIMO DI SFORZO PER OTTENERE IL MINIMO RISULTATO CONSENTITO???

  11. Per Biancaneve,
    difficile il ruolo di "genitore/precettore" non solo con 7 nani, ma anche con molti in meno . . . potresti far presente a Brotolo che la sottoscritta si è sempre rifiutata (puntando i piedi come i muli) di studiare l’inglese, dicendo : "Tanto io là non andrò mai!" e si ritrova, da nonna a cercare di imparare qualche frase, per poter comunicare o, hai visto mai, fare un viaggietto in Scandinavia . . . mi hanno detto, infatti, che è più facile imparare l’inglese che il norvegese!

    Per esperienza di mamma, so che certe cose le capiscono solo col tempo . . . ma questo te lo può spiegare anche la tua di mamma!

    Salutoni a tutta la Corte, R

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...