Impressioni di una ragazza di provincia

Da povera provinciale, quale solo, confesso di aver messo piede nell'aeroporto Leonardo da Vinci, solo 3 volte . . . la prima, avevo 12 anni, era estate, ero in visita a Roma e la suora alla quale ero affidata, durante uno dei giri turistici, mi portò a vedere l'aeroporto . . . ricordo che siamo andate in un gran salone, siamo uscite in una grande terrazza e abbiamo visto la gente avvicinarsi a piedi agli aerei, e salire le scalette . . .
 


La seconda volta, qualche anno fa, quando siamo andati a riprendere il Figlio, che tornava da un "Jamboree" dall'altra parte del mondo . . . siamo arrivati alle 7,30 nel salone degli "Arrivi Internazionali" e siamo usciti alle 13.00, ma ogni mezz'ora, ci dicevano: "Adesso arrivano . . . adesso arrivano!" . . . In quell'occasione ho scoperto che anche gli aerei accumulano ritardo come i treni.

Questa volta sono andata ad accompagnare Gloria alla partenza, salone sempre più grande, coda per il "check in", coda per pagare i 4 Kili in più nella valigia, coda al bagno  . . . previsione di coda per andare all'aereo . . . eccovi alcune impressioni che ricorderò di questa mia ultima (per il momento) visita a Fiumicino.

La cosa più sorprendente: che la piccola Carito abbia dormito, senza problemi da quando siamo partiti (ore 1,15 di notte) fino al momenti di passare i controlli (che ha passato continuando a dormire), calcolando poi, che in auto, abbiamo parlato per quasi tutto il viaggio.

La cosa più piacevole: un addetto alla sicurezza che vista la situazione: mamma, passeggino, bimba dormiente, coperta, zaino e borsa per i documenti e i generi di conforto della piccola . . . compreso il leprotto di peluche che le ha regalato il suo papà; le ha fatte entrare dalla parte dove entrano i passeggeri di prima classe, senza dover fare file o essere spintonate.

La cosa più emozionante: il distacco definitivo, i saluti lei di là e noi di qua di questa benedetta "porta" dei controlli . . . e poi, il suo "Orsacchiotto"  che ha voluto aspettare a partire per tornare verso casa, finchè non abbiamo visto anche l'aereo (l'orario e la compagnia erano quelli giusti) alzarsi in volo.


La cosa più spiritosa: l'Udmv che, seguendo l'Orsachiotto che esce a fumare, dice: "Sì, veniamo anche noi a respirare un po' di aria pura! " salvo poi (dopo un minuto che siamo usciti) commentare: "Certo che è molto inquinata l'aria qua fuori, con tutti questi pulman, macchine e taxi!"

La cosa più scioccante: il numero di "barboni" che dormivano in aeroporto, chi negli angoli, chi sulle panchine, chi sopra i davanzali delle vetrate . . . qualcuno, già di primo mattino, girava per i grandi spazi borbottando o gridando. Altri, malgrado la gente, il sole e le luci, continuava a dormire, nell'indifferenza generale. Indifferenti a loro volta (sia dormienti che da svegli) al resto della gente!

La cosa più scocciante: il conto da pagare al parcheggio, ben 20 €uro per 4 ore . . . è vero che abbiamo parcheggiato di fronte ai Terminal . . . ma, accidenti a Firenze, col camper, dalle 20,00 di sera alle 18.30 del giorno dopo, solo 11,50 €uro.

 

7 pensieri su “Impressioni di una ragazza di provincia

  1. Più che impressioni di ragazza di provincia io direi attenzione al mondo che avevi intorno. Sei sempre molto attenta alle cose che ti accadono e ne sai rilevare il lato comico,spiritoso,tragico e realistico. Saresti stata un'ottima regista del neorealismo. Simpatico l'orsacchiotto che attribuisce all'aria insana il suo rientro verso la moglie e Carito.  Cronaca di una famiglia in aereoporto sarebbe stato il titolo adatto al tuo post!  Questa estate sono transitata, in partenza e arrivo, dal Leonardo da Vinci, e la settimana scorsa da Forl' e Catania per tornare dalla Sicilia. Mi colpisce molto il via vai ai vari sportelli e mi piace osservare la "fauna" che mi passa vicino. Grazie per aver condiviso con noi la tua nottata e la partenza della figlia adottiva!  

  2. La cosa più emozionante prende anche tutte le volte chetorniamo in Italia da Boston, salutare al di là delvetro i cugini americani mi immagona non poco…e leggo qui mi si sono inumiditi gli occhi

  3. Per Diggiu,essendo arrivati mooolto in anticipo (per paura di arrivare in ritardo, come capitò qualche anno fa all'altra nonna, sotto Natale) abbiamo avuto modo anche noi di divertirci guardando la "fauna" di passaggio! Per ZiaCris,certo, il magone alle partenze . . . io ci sono andata leggera, ma tu (voi) immagina(te)  il "magone" di quell'uomo, "Orsacchiotto", che ha visto partire le due donne più importanti della sua vita . . . e non sa quando le potrà raggiungere! A voi due, ciao, R

  4. Beh, devo dire che non sei provinciale per niente, è che non sei abituata. Ho vissuto anche io la trasformazione del Leonardo da Vinci dall'epoca in cui si poteva andare sul terrazzo a vedere le partenze, a oggi che è un grande mercato o per meglio dire una Babilonia. Noi andiamo spesso a Fiumicino, almeno due volte al mese, ma ormai ci siamo organizzati con orari, posti giusti dove aspettare senza pagare e poi portiamo il nonno che ha il tagliando di invalidità…

  5. Per Innoallavita,sia la mamma che la figlia e relativi bagagli, son arrivate sane e salve, quando qui da noi era lunedì mattina alle 2,00! La sera di lunedì (da loro era pomeriggio), la mia FigliaPutativa ha lasciato un messaggio su Fb, l'ho copiato nell'aggiornamente del post precedente! Per IlLeone,la prossima volta che devo andare a Fiumicino ti chiedo le dritte per non spendere troppo, o il nonno in prestito! Ciao a tutte e due, R

  6. Ciao, ho letto con piacere il resoconto della tua esperienza all'aeroporto "Leonardo Da Vinci" , spero che un giorno tutti voi abbiate l'occasione di riabbracciarvi. Un saluto e un augurio di una buona domenica.

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...