E se li licenziassimo tutti???

Non sono attiva in politica, non ho uno schieramento di riferimento . . . ma, ultimamente, i politici mi sembrano peggiorati e allora accolgo con piacere l'invito che fa un'amica blogger, un po' per celia, un po' per non morire:

15 dicembre 2010 . . . "L'idea è questa:
Licenziamo il parlamento! Sono o non sono nostri dipendenti?
Questi si sfiduciano tra loro ma in realtà la sfiducia è quella dei loro datori di lavoro.
Licenziamento senza riconoscimento del preavviso per giusta causa.
Quale dipendente pubblico può chiudere per 10 giorni il proprio ufficio in attesa della fiducia?
Quale dipendente pubblico può essere arrogante con il proprio datore di lavoro?
La giurisprudenza consultata dice che gli estremi ci sono

Questa potrebbe essere la bozza di lettera… che dite ci proviamo?

 

 Licenziamo il Parlamento

  Al Parlamento Italiano
(630 Deputati e 321 Senatori – licenziamo anche quelli a vita)
  
 
Raccomandata A.R. 
 
Oggetto:
notifica di licenziamento

 
Egregi Signori,
siamo spiacenti di informarVi che abbiamo deciso di rinunciare alla Vostra collaborazione. Tale provvedimento viene adottato per la seguente motivazione:        

  

  • sottrazione di beni aziendali nell'esercizio delle proprie mansioni     (specie se fiduciarie)
  • condotta extralavorativa penalmente rilevante ed idonea a far venir meno il vincolo fiduciario
  • abbandono ingiustificato del posto di lavoro  
  • reiterate violazioni del codice disciplinare di gravità tale da condurre al licenziamento (basterebbe la rissa di ieri)
  • rifiuto ingiustificato e reiterato di eseguire la prestazione lavorativa/insubordinazione

 
Per i giorni di mancato preavviso non Vi verrà corrisposta alcuna indennità sostitutiva.
Vi invitiamo a prendere contatto con l'Ufficio Personale per il ritiro delle Vostre spettanze e dei documenti lavorativi.
 
Distinti saluti.
 
Firma
Il Popolo Italiano 

17 dicembre 2010 . . . Per prima cosa grazie a Tutti gli amici che hanno deciso di aderire e a quelli che decideranno nelle prossime ore.
Vorrei solo dire due parole su questa iniziativa che è nata strada facendo.
E' ovvio che non si possa licenziare il parlamento, nessuno pensa che anche mandando 1.000 raccomandate sia possibile farlo e come giustamente osservava qualcuno l'anarchia non è la soluzione ai problemi. Questo gesto, se avrà il risalto giusto, vuole solo mandare il messaggio che siamo stufi di questi rimpasti, questo passare da una parte all'altra per convenienza, questo prenderci costantemente per i fondelli e perchè no! per dire che siamo ancora vivi… parecchio stanchi ma vivi.
Per dire in modo tra l'ironico e il sarcastico che stiamo con gli studenti ma non con chi fa violenza nemmeno se alimentata con strani combustibili, che anche gli "adulti" hanno ancora voglia di protestare.
L'Italia è nostra… riprendiamocela!

 

  

Annunci

8 thoughts on “E se li licenziassimo tutti???

  1. si….stiamo andando alla deriva….licenziamoli pure….o rendiamo i loro stipendi meno di quelli di 1 operaio (ovvero quanto quelli di un contrattista medio….dalle 700 alle 900 euro)….e poi vediamo che succede!

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...