A tu per tu con i teschi dei morti di peste!

È da un pezzo che voglio raccontarvi di quella volta che ho aspettato che passasse il temporale a tu per tu con alcuni teschi  . . . ma qua il tempo è tiranno . . .

Ho chiesto in giro e in base a certe elucubrazioni, siamo giunti alla conclusione che, all’epoca, avevo tra i 4 e i 5 anni . . . per cui i ricordi sono confusi e oltre a me, non se lo ricorda nessuno, ma, mi è stato detto, può essere andata così, perché in quell’epoca, era una cosa che capitava!
Adesso che vi ho incuriosito, passo al racconto:

Si andava a piedi e perciò, presumo che fosse estate . . . era da poco che abitavamo nella casa vicino all’Autostrada, coi nonni. Ma quella volta venivamo da una visita a casa della bisnonna in via Broseta (“Dal centro del Borgo San Leonardo (oggi Piazza Pontida), via Broseta attraversava la Porta Nera per poi dirigersi, attraverso campi, mulini e coltivazioni di gelsi per i bachi da seta, in direzione del borgo di Longuelo e di Lecco”. Da Wikipedia),nella parte “di sotto” della città di Bergamo.

Incrocio tra via Broseta, che prosegue verso Piazza Pontida e la via Palma il Vecchio

A un certo punto,  la via Broseta incrocia un’altra via (via Palma il Vecchio), questa strada è più grande di quella appena lasciata. A quell’epoca, la parte sinistra della strada, per chi la stava percorrendo come me, era fiancheggiata da un grande stabilimento, un muro continuo, con dei grandi finestroni era lo stabilimento “d’ì Szóffi” (*)
Noi quattro (mio padre, mia madre, mio fratello ed io) la stavamo percorrendo in quel tardo pomeriggio di fine estate, non so come, meteorologicamente parlando, ma all’improvviso si era fatto buio e iniziò un bel temporalone, una corsa e ci riparammo sotto un portico. C’erano dei lumini, c’erano delle panchine, c’era una vetrata e dietro questa vetrata, alcuni teschi . . . era una di quelle “tribuline” che si trovavano spesso sulle strade,
era la Cappella della Peste  . . . io ho il ricordo di un paio di gradini, ma non ho trovato riscontri!

Qui ci doveva essere la foto di questa “tribulina”, ma non riesco a copiarla! 

Ricordo bene i tuoni e i fulmini, mio fratello che non stava fermo e mio padre che ci raccontava le storie di morti e di fantasmi e”della Cavrà del Monbèl”  (che avrebbe poi raccontato anche ai nipoti) e la storia di quei teschi che si vedevano dietro al vetro, ci raccontò che erano dei bambini morti di peste. Ricordo mia madre impegnata a tenere al coperto mio fratello, che essendo più piccolo, non stava ad ascoltare per niente quello che raccontava mio padre . . . pioggia, lampi, tuoni, morti di peste e fantasmi li ricordo come se fosse capitato oggi, dopo un po’ il temporale finì e si ripartì verso casa, ma il ricordo è sempre rimasto, quando si passava per quella via veniva rinnovato, ma ormai il tempo di andare a piedi era finito, il progresso, con  il suo avanzare, ci ha portato a correre.
Anni passati, strade nuove, città nuove, ma quel ricordo in sottofondo, finché, per quella serie di circostanze più o meno fortuite (qualcuno dei miei amici vi direbbe che “niente succede per caso” ) ho conosciuto virtualmente una blogger bergamasca che ha un blog dove parla di  esplorazioni creative di famiglia e dintorni e alla mia città : Bergamo.”  E leggendo i suoi post, che con un lavoro certosino, raccontano di cose e di posti conosciuti, ho voluto raccontarmi, prima ancora che raccontarvi questo frammento di ricordo di quando ero piccola io . . .


(*)come sicuramente saprete in bergamasco, la Z è spesso sostituita dalla S dura. 

Annunci

5 thoughts on “A tu per tu con i teschi dei morti di peste!

  1. Il tuo racconto mi ha riportato alla mente il ricordo di quando ero piccolina, 4 o 5 anni , e mia zia materna, all'epoca ragazza, mi portò con sè per una passeggiata sulla spiaggia in insieme alle sue amiche. Non era estate ma primavera avanzata, il mare era come si dice qui "un olio" e cammina cammina, almeno per le mie gambette, arrivammo alla foce del Tesino.
    E proprio da quelle parti si ergeva dal mare un ammasso di ferro incagliato nelle secche. Era una piccola imbarcazione di guerra, o meglio un relitto grigio e  arancione forte per via della ruggine. Poco dopo devono averlo tolto perchè non l'ho più visto. E mia zia che aveva il gusto del macabro, comincio a parlare dei morti che ancora a suo dire erano nella nave, a ricordare di aver visto, a tempo di guerra quando era una ragazzina di 12 o 13 anni i cadaveri di alcuni marinai portati a riva dalla corrente. Disse che avevano i "roscioli"  (triglie) attaccati perfino alle orecchie (lei non mangia quel tipo di pesci , per questo motivo).
    Puoi immaginare l'impatto su di me che ero una bambina ipersensibile e gli incubi che me ne sono derivati. Ho sognato quel relitto persino mentre frequentavo l'Università…

  2. E' stupefacente come i ricordi bambini ci inseguano per tutta la vita, ancor più di quelli relativamente più recenti!

    Da bambini poi si è attratti irresistibilmente da tutto ciò che è macabro e pauroso, salvo poi incubi notturni ricorrenti

    Io ricordo una gita scolastica di 3.a elementare al sacrario militare di Rovereto, e ricordo che quando la maestra disse "se qualcuno ha paura di impressionarsi alla vista di ossa e teschi, è meglio che non entri", nessuno si sognò minimamente di restare fuori

  3. Certo, NonnaCarina, che una volta non avevano remore, come adesso . . . niente avvisi" questo racconto non è adatto ad un pubblico di bambini!", anzi ci aggiungevano sempre tutti i particolari più orridi!

    Sontyna, io ho un sacco di ricordi, spesso più belliche brutti . . . questo l'ho "riesumato" da quando ho saputo che hanno costruito quel grosso complesso, al posto della fabbrica "dei Zopfi", che io ricordo bene, essendoci passata davanti tante e tante volte!
    Poi, ho "scoperto" il blog dell'Alessandra (http://alessandra-creativefamily.blogspot.com/ ) che mi ha dato una mano a trovare un po' di materiale!  Ops, ho scoperto adesso che non ho messo un lik  . . . ha fatto una ricerca molto interessante sugli Zopfi!
    Mi piace ricordare la mia infanzia, ricordarla con sotto gli occhi tutti i cambiamenti che son venuti dopo (e non solo di case e strade), mi sembrano cosìlontani . . . invece, sono solo qualche "censimento" fa!

    Ciao, R

     

  4. La cappella con i teschi dei morti della peste esiste anche nella mia infanzia. Alla sera dopo cena con mio nonno andavamo a passeggio in Via Palma il Vecchio e ai lumini sempre accesi in questa cappella alcune donne recitavano il rosario.

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...