Un (quasi) tranquillo pomeriggio di domenica a novembre, scoprendo Offida

Domenica pomeriggio, con le amiche Nunzia e Marcella e i loro carissimi “amorucci”, siamo stati a esplorare la graziosa cittadina  di Offida, in 30 e più anni da che sto quaggiù l’avrò “visto” 4 volte, una volta, poco dopo essere arrivata, per un carnevale in piazza, 2 per andare a scegliere dei pizzi (per cui Offida è famosa) per il corredo di mia sorella e delle figlie e un’altra volta, per una cena con i colleghi del marito. Ogni volta, una “toccata e fuga”.

Poi, dopo averne parlato, ci siamo trovati, una domenica pomeriggio, per “fare i turisti” in questa città, che ha una lunga storia . . . (Vi lascio al link della pagina apposita per i turisti: http://www.comune.offida.ap.it/it/citta/default.asp)
Abbiamo iniziato la visita, dal monumento che ricorda le “merlettaie”, dalla giovane apprendista alla vecchia “maestra”.

Queste tre merlettaie stanno davanti alle vecchie mura, due passi e siamo “dietro” . . . dove abbiamo visto uno spaccato delle antiche mura . . . diciamo, forse più di una delle torri che le mura vere e proprie . . . 

E lì a due passi, c’è l’ex Ospedale  .  .  . nel sole del pomeriggio, mi hanno colpito le sue logge, abbiamo continuato la camminata per la strada principale “Via del Serpente Aureo” (dal nome del dio “Ophite”  tradotto dall’etrusco con “serpente aureo”), fino ad arrivare alla piazza  dove si affaccia il bellissimo Palazzo Comunale. 

Si continua la camminata gettando un rapido sguardo alle facciate delle chiese, ma il nostro obbiettivo (finché è ancora giorno, finché c’è il sole, anche se la luna è già là che ci guarda) è la famosa chiesa  di Santa Maria della Rocca una chiesa di cui ho sempre sentito parlare, una chiesa vista in Tv, nelle foto dei matrimoni, nelle foto del “concerto” di musica medievale che  ci tennero la FigliaGrande e i suoi compagni delle Medie . . . insomma, di tutta la famiglia ero rimasta solo io a non averla ancora vista.

Abbiamo sbirciato all’interno della cripta, il tempo è sempre “tiranno” . . . un giro intorno alla grande chiesa, uno sguardo al panorama, spazia dal Gran Sasso ai Sibillini, alle rupi sotto Offida, dove si vede che la natura sta lavorando per creare i calanchi, altra specialità della zona! 

Il cielo si fa scuro, si torna rapidamente sui nostri passi osservando con curiosità le case, l’esterno del Monastero di San Marco e le fontane . . . le signore che lavorano il merletto al tombolo in un negozio. Torniamo nella piazza e qui finisce (in parte) la nostra tranquillità . . . PE inizia a tormentare la FigliaGrande con le sue continue e logoranti (logorroiche e offensive) telefonate . . . nel frattempo, tra una telefonata e l’altra riusciamo a vedere la Chiesa della Collegiata, l’esterno della Chiesa dell’Addolorata (chiusa per restauri), la Chiesa di Sant’ Agostino e uno spigolo del convento di Sant’Agostino. Entriamo nelle due chiese vuote e appena appena illuminate e penso che è inutile, certe cose bisogna vederle di giorno, d’estate e dopo averne letto qualche informazione . . . Marcella s’è portata un libro su Offida e le sue “meraviglie”, ma con questa poca luce si legge male, io gironzolo e faccio le ultime foto

Questa, pare essere una porta, all’esterno c’è questa Annunciazione, che ho fotografato a “occhi chiusi”, perché non vedevo niente, aprendola si vedono 4 santi, ma mi è venuto il dubbio e non ho fotografato altro . . .

Riprendiamo la strada di casa dopo esserci rifocillati chi col solito caffè, chi con la prima cioccolata della stagione (io, logicamente dopo una così lunga camminata ho rifatto un po’ di scorta di zuccheri con la cioccolata alla cannella e arance. Slurp!!!)


Però, come ho detto all’Uomodellamiavita, bisogna ritornarci . . . Abbiamo visto tanto, ma tanto di corsa che è come aver assaggiato una torta molto buona, ma senza poterne prendere una seconda fetta.

Se qualcuno vuole venire da queste parti, sono pronta a fare da cicerone! 

Annunci

10 pensieri su “Un (quasi) tranquillo pomeriggio di domenica a novembre, scoprendo Offida

  1. Salve, sono approdato in questo angolo di web mentre curiosavo con google su notizie del mio paese….o Cittadina che è appunto Offida. Grazie per le belle parole…

    1. Barnye, vado a correggere subito la dicitura . . . 😉
      Pur avendo visto poco, negli anni da che sono qui, ho sempre consigliato la visita ai turisti che mi chiedevano consigli . . . ci ritornerò, perché non ho visto molto e nemmeno il museo (anzi, i musei).
      Magari ci si può incontrare e mi fai tu da cicerone! 🙂
      Ciao, Fior

  2. che sei…qui dove, se puoi dirlo, non ho trovato indicazioni tra queste pagine…
    sei visualizzi la mia mail magari scrivilo tramite quella.
    Se vieni/venite vi faccio assaggiare delle olive ottime 🙂

    1. Grazie Barnye, proverò con piacere le “tue” olive, di solito le olive fritte me le prepara la FigliaGrande e prima la suocera . . . noi stiamo sulla Costa, a mezza collina! Alle spalle della “capitale” della Riviera delle Palme! 🙂
      La FigliaGrande ha partecipato a più di un Carnevale, col suo bel ” ‘uazzarò ” e trasportando in spalla i veludre . . . (di cui ho parlato qua: https://hovogliadichiacchiere.wordpress.com/2010/02/15/una-domenica-di-sole-finalmente/ )

      Ciao, Fior

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...