Paese che vai . . . usanza che trovi

La notte di Natale è da sempre considerata “magica” anche a causa dei vari riti che vi si compiono, memoria di tempi antichi.

Nelle campagne del Veneto, dell’Istria e dell’Alto Adige i contadini, per sapere come sarà il prossimo raccolto, mettono in una padella arroventata 12 grani di frumento, uno per ciascun mese dell’anno . . . quelli che si apriranno, per il gran calore, indicheranno abbondanza, se  carbonizzeranno annunceranno carestia. (come distinguere un mese dall’altro, non l’ho capito)

000 Grano

 Le notti natalizie nelle campagne di Molise e Abruzzo sono rischiarate da innumerevoli lumini posti sui davanzali per cancellare le tenebre e rendere più agevole la strada ai pastori diretti al Presepe . . .  se la mattina i lumini si mostreranno poco consumati, sarà buon auspicio. (se qualcuno ci soffia sopra di nascosto, non vale)

 In Emilia Romagna invece si credeva che tutti gli avanzi della cena della vigilia avessero effetti medicamentosi: burro e olio per curare tagli e bruciature, cera delle candele contro le contusioni, vino per cicatrizzare le piaghe sulla schiena di animali e umani e, versato nella vigna, un’ottima vendemmia l’anno dopo . . . le briciole di pane date ai pulcini per farli crescere vigorosi e mai preda di volpi e rapaci. (per i ladri di polli, un buon antifurto e un fucile caricato a sale, come quello di Peppone)

                                                                                                                                           

Calendario dell’Avvento 2012 ><

4119

Mamma coi suoi bambini

Annunci

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...