Incontri . . .

Mia Figlia, la Grande, dice che dovrei uscire, vedere gente, parlare con le persone . . .  secondo lei stare in casa quasi tutto l’inverno non mi fa bene, mi vede sul “depresso andante”, ma non è colpa mia se un giorno sì e l’altro pure ha piovuto, se ho avuto 2 volte la febbre e più volte il piede dolorante, senza contare i 20 giorni di Ospedale della NonnaBisnonna.

Stamattina sono uscita a piedi,  sono andata dal medico, il piede era leggermente dolorante e la giornata appena un po’ fredda ma non pioveva.
Dopo la visita del medico che, bontà sua, ha decretato ” Lei ha l’artrosi, se la deve tenere finché campa, può solo peggiorare . . . ” dovevo passare in Biblioteca . . . e poi, visto che era un orario intermedio e se fossi tornata a casa a piedi sarei arrivata stanca e in ritardo, mi sono incontrata con la FigliaGrande e abbiamo fatto un giro per le strade del centro della Città sulla Costa, guardando vetrine e incontrando gente.

images

Vicino alla Biblioteca, ho incontrato uno che conosco da anni, a cui a febbraio è morto il padre, era insieme al suocero (valente giudice in pensione) che conosco da quando sono qua e che, avendolo io salutato non mi ha risposto e ha continuato a camminare a testa bassa con la figlia. Il genero mi ha spiegato che sta via con la testa . . .
Dalle parti del Comune,  abbiamo incontrato una signora della mia età, il cui marito l’ha lasciata per una più vecchia ,  mi ha raccontato un po’ delle sue peripezie e di come l’ex marito sia diventato insofferente anche con le figlie. Negli occhi le lacrime. Ci siamo promesse di rivederci così mi spiega bene tutto . . .

Siamo passata dalla mia “spacciatrice” di lana, che per tutto inverno non ho visitato (in questo periodo ho tanti lavori iniziati e pochi soldi da spendere) . . .

gomitoli-lana

Abbiamo visto negozi “storici” chiusi e col cartello AFFITTASI/VENDESI . . . camminando abbiamo incrociato alcune persone che conosco di vista (genitori di compagni dei figli, clienti del negozio dove lavoravo) che non vedevo da un pezzo . . . camminare un po’ curvi, camminare un po’ impacciati, capelli grigi. Insomma, vedendo i miei problemi rispecchiati in loro, mi sono sentita vecchia . . .

Per ultimo, sul lungAlbula, seduta su una panchina, ho notato una delle prime persone che ho conosciuto nella Città sulla Costa . . . al di fuori delle persone con le quali lavoravo o di quelle di famiglia . . . e, con gioia abbiamo fatto a gara nel ricordare i nostri primi discorsi su suocere e mariti della Città sulla Costa (anche lei non è nata qua). Lei spiegava il nostro rapporto a una sua amica, io alla FigliaGrande . . . poi (visto che si avvicinava il mezzogiorno) lei col suo cane, la FigliaGrande e io ci siamo avviate per la stessa strada, visto che lei abita dalle parti dell’asilo del PiccoloLord . . . così ci siamo messe a parlare dei suoi figli, dei miei e abbiamo ricordato alcuni aneddoti su suo marito, morto da due anni . . . alla fine piangevamo tutte e due come due fontane.

asilo_nido

Mentre aspettavamo fuori dall’asilo del PiccoloLord aspettando l’orario giusto per riprenderci lui e tornare a casa, la FigliaGrande mi dice: “vedi, dovresti fare così, ogni tanto, uscire, guardare vetrine e incontrare gente, hai visto che bello oggi, abbiamo passeggiato, guardato le vetrine . . . hai incontrato gente che conosci e avete parlato. Non sei contenta???”

Ci ho pensato un attimo e, ridendo, le ho risposto: “se ogni volta che esco incontro e chiacchiero con le persone, come oggi, quando torno a casa mi taglio le  vene!”

stupito

Annunci

4 pensieri su “Incontri . . .

  1. ..e lo credo..meglio rimanere in casa lo penso anche io,,tanto ormai c’è il pici..che ci fa copagnia…ma la prossima volta.evita le vecchie compagnie..cercane nuove cosi poi a casa hai di che..ricordare,,,,adoro come scrivi come sempre…luana

    1. Un giusto mix tra l’uscire e stare a casa . . . lo so anch’io che sarebbe l’ottimo e so che non sempre incontro tante persone con storie tristi. 🙂
      Il problema è, Luana, che io sono arrivata quaggiù che ero grande e tra lavoro, casa con i figli piccoli, ancora lavoro e adesso a fare la pre-pensionata, non ho vere amiche . . . anzi, potrei dire che sono “più” amica di alcune fra le mie lettrici virtuali che di persone che incontro passeggiando! 🙂

      Grazie di adorarmi . . . ma con moderazione. Fior

  2. Signra Fior, leggere della sua passeggiata è stato uno spasso e il finale molto divertente…..un bacio

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...