Rimescoliamo le generazioni

Genitori
Nonni
Zii
Cugini
Fratelli
Figli
Morosi
Sposi
Genitori
Figli
Fratelli
Zii
Nipoti
Nonni

Si rimescolano le generazioni, al momento del bisogno, si cercano e si trovano le energie e gli spazi per tutti

Il NonnoBisnonno (o NonnoPapà, come lo chiama il PiccoloLord) è arrivato a un punto della sua vita in cui, parole della Dottoressa del Pronto Soccorso, “non può stare da solo” . . . e non c’è la voglia di affidarlo  a una “badante”.

E così, ci siamo un po’ stretti, abbiamo rimescolato i posti a tavola, abbiamo trovato nuovi spazi privati per quei momenti in cui uno vuole stare solo con i suoi pensieri (o con il telefono in mano per parlare con gli amici senza il sottofondo di urla bambinesche, abbaiare di cani e vocine dei cartoni animati), ci siamo abituati di nuovo agli orari “strategici” per non creare file mattutine davanti alla porta del bagno (stile Fam Bradford, se vi ricordate di cosa parlo) . . .
Nel frattempo il NonnoBisnonno si sta sottoponendo a una serie di controlli, esami, Tac e chi più ne ha più ne metta . . . ultima, in ordine di tempo, una broncoscopia e l’ago aspirato. C’è un “nodulino” che deve ancora essere controllato per capire che intenzioni ha!

Annunci

11 thoughts on “Rimescoliamo le generazioni

  1. La tua, cara Fiore, è una specie di famiglia” patriarcale” quelle di una volta. Sono tanti i parenti che girano intorno a te e spesso mi chiedo come tu possa farcela! Ma sei una “wonder woman” e riesci a trovare tempo per tutti. Un abbraccio dalla Toscana e auguri per il nonno! :-*

    • Come in tanti (ho sentito di gente rimasta disoccupata che si è riportata a casa i “nonni” che prima erano in casa di riposo) usiamo la famiglia come “supporto” nel bisogno. 🙂

      Ogni tanto temo di non farcela, ma mi basta una bella dormita (anche una “siesta”) e mi ricarico! 😉

      Ciao, Fior

    • Davvero, anche io ogni tanto mi chiedo come tu faccia, e ho anche voglia di farti sinceramente i complimenti. Ma non solo a te, anche a tutti gli altri!, perché so che “trovarsi” improvvisamente con un anziano in casa – e oltretutto con un anziano un po’ acciacciato, ecco – non è affatto una passeggiata. Io l’ho visto con mia zia, che ha tenuto mia nonna con sè fino all’ultimo, e… non era facile. Nè dal punto di vista pratico, nè da quello psicologico.
      Ed è davvero bello, invece, che la tua famiglia sia così accogliente. Non solo “tu” (ché al limite, puoi anche essere una wonder woman, giustamente) – ma anche tutti gli altri che vivono con te!
      E’ davvero bello e quasi sorprendente per certi versi, guarda che stai e state davvero dando una bellissima testimonianza di vita familiare così come dovrebbe essere.
      E’ da un bel po’ di tempo che lo penso 🙂

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...