La Madre dello Sposo . . . alle prese col dress code

Nota Bene, ricordarsi di leggere con un sorriso come con un sorriso è stato scritto! 

2 mesi e 22 giorni

calendario
ovvero: 82 giorni
ovvero: 11 settimane e 5 giorni

Non è il conto alla rovescia per l’impatto di un asteroide o il conto cervellotico di quanto manca alla fine del mondo in base a calendari svaniti nei secoli . . . è il tempo che scorrerà mentre io scelgo un vestito adeguato al mio ruolo di madre dello sposo e quando finalmente lo sfoggerò i due piccioncini convoleranno a giuste nozze.

wedding Procession

Di questo matrimonio si parla da qualche mese, siamo persino stati al ristorante dove si festeggerà il lieto evento. Abbiamo assaggiato primi e secondi con i consuoceri e la FigliaGrande (come esperta) per dare poi un parere sulla composizione del menù!
Di questo matrimonio ho sempre cercato di far capire che i veri protagonisti sono gli sposi, ma pare che anche la madre dello sposo abbia il suo cameo da recitare (spero non si pretenda da me un’interpretazione da Oscar) e perciò deve essere adeguatamente abbigliata.
Di questo matrimonio mi piacciono molte delle cose che sento raccontare, qualche scelta mi lascia perplessa (probabilmente è colpa dell’età). Ma la cosa che più mi mette in crisi è il dannatissimo benedetto vestito che dovrei portare quel giorno.

liz-taylor-con-spencer-tracy-nel-film-il-padre-della-sposa

So che ci sono molti film dove si parla del nervosismo di cui da segni il Padre della Sposa (so di padri della sposa a cui venivano propinati calmanti nelle ultime settimane prima del fatidico giorno).
Nessuno ha mai preso in considerazione la marea di pensieri che affollano le notti della Madre dello Sposo . . . il vestito, le scarpe, la borsa e (eventualmente) cappello o acconciatura. Questi pensieri non fanno parte degli elenchi dei fattori scatenanti lo stress per una dimenticanza dei relatori.

kate-camilla4

Perché non analizzare lo stress da matrimonio di un/a figlio/a. Ai genitori vengono poste le domande più assurde: “devo invitare anche lo zio Casimiro, quello che si vede solo ai funerali e non ricorda mai di chi sono figlio???” (logicamente no). “Vuoi che inviti anche la tua compagna delle elementari, quella di cui parli sempre . . .” (se mi avessi ascoltato davvero, avresti capito che ne parlo solo per raccontarvi episodi di bullismo). “Tu come ti vesti??? (nooooooooooo . . . non me lo chiedere, non lo so! )

angela ariza

Ho letto blog e siti di “wedding planner”, ho visto foto su foto e mi sono chiesta se questi stilisti si rendono conto che la Madre dello Sposo ha, come minimo, 18/20  anni più di lui e non sempre, per colpa dei peccati di gola e di una passione per i piatti ben conditi, ha misure da Miss Mondo . . . e non mi venite a dire che, da gennaio a dicembre, potevo dimagrire di almeno 15 Kg, più facile a dirsi che a farsi.

Insomma, qualche chilo l’ho perso per strada, ma non sufficienti per entrare in una 44 . . . sto ancora sulle taglie dispari, diciamo che sono una “curvy” abbondante. È un bel problema, spero di risolverlo in tempo per quel dì, mica posso andare in chiesa in jeans, giubbotto e scarpe da ginnastica! Anche se mi piacerebbe . . . in fondo, tanti anni fa, la mia canzone preferita era “come un ragazzo”!

Annunci

6 pensieri su “La Madre dello Sposo . . . alle prese col dress code

  1. Ho fatto per 2 volte la mamma dello sposo ed una della sposa, è stato un delirio! Come ti capisco per noi signore “curvy” le proposte sono poche e poco allettanti. Se dai un’occhio alle foto su fb trovi la mia esibizione dell’anno scorso, magari ti può venire utile 🙂

  2. Ah ah ah! Ciao, arrivo dal blog di Emily. Questo post è fantastico, ti dico la mia esperienza. Quando stavo per sposarmi, un giorno mia mamma mi disse che voleva il mio aiuto per scegliere il suo vestito per quel giorno. Siamo andate in centro e abbiamo visto tutti e dico tutti i negozi possibili ed immaginabili (e parliamo di Milano, capitale della moda…..) E in ognuno c’era qualcosa che “le piaceva ma…..” Io continuavo ad insistere a volerla portare “da Giorgio” perché sicuramente qualcosa avrebbe trovato ma lei niente, gnucca come una zucca, 15 mila chilometri scarpinando e provando di tutto. Alla fine, come ultima spiaggia mi ha accontentato. Bum! Amore a prima vista. Siamo entrate e uscite dal negozio nel giro di mezz’ora con un fantastico tailleur verde smeraldo in seta di cui mia mamma è andata orgogliosissima per anni (nessuno se l’aspetta la mamma della sposa in verde, gongolava). I miei piedi ancora non l’hanno perdonata, ma devo dire che stava proprio bene! Auguri, a te e agli sposi!

  3. BenArrivata Puffola Pigmea . . . io sono come tua mamma, quello che ho visto fin’ora era da “mi piace . . . ma”! 🙂
    Tra l’altro, andando per negozi, alcune commesse mi hanno consigliato di aspettare un po’, perché dopo “i morti” arrivano i capi più “festaioli” e, secondo loro potrei trovare qualcosa più adatto a una cerimonia. 🙂

    Se riesco a riordinare le idee aggiorno il blog, così vediamo cosa partorisce questa montagna di stress! 😉

    Ciao, Fior

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...