Archivi categoria: neve

La neve . . . in inverno! Sulla Costa è rara!

A forza di sentirlo dire al Tg . . . la neve è finalmente arrivata anche qui da noi! 🙂

ore 9,00 di venerdì, le violette spuntano
dalla poca neve rimasta dalla nevicata della notte!

 

Ore 16 00 (circa) di venerdì . . . sul Fico d’India si formano già “ghiaccioli”

 

ore 16,00 (circa) ed ecco, un povero ulivo centenario

 

ore 16,00 (circa) di venerdì, il fiore di questa “succulenta”,
che aspetta da due mesi di sbocciare, soppravviverà???

 

L’unico che si sente a suo agio . . . come se fosse a casa sua! :-)))

 

Ore 20,00 (circa) di venerdì, il giovane pino marittimo, pi
egato dal peso della neve, si appoggia alla barriera del nostro “cortiletto” . . .

 

sabato mattina, l’arancio dopo un giorno e una notte di neve

Sabato, ore 13,00 circa . . . uno gnomo???
Un PiccoloLord in esplorazione . . . cosa ci fa la neve a casa della nonna?

Certo, nessuno si dovrebbe meravigliare della neve in inverno, ma da noi, quasi sulla Costa, capita solo “Una Tantum” che superi l’altezza di un dito!  E quando capita, ci sentiamo come se ci avessero fatto un regalo . . . una bella sorpresa, che presto diventa un incomodo . . .
La FigliaGrande è arrivata, venerdì, in ritardo e ci ha messo un sacco per tornare a casa (e la neve era ancora poca e fresca).
Alla sera gli uomini hanno dovuto abbandonare le auto , Figlio, più in basso, perchè non aveva voglia di mettere le catene e non gli faceva “paura” un po’ di strada a piedi . . . è uscito di notte (ore 23 e oltre) sempre a piedi,  per godersi la pace che la mancanza di traffico ci regalava, per vedere la neve di notte.
Invece L’udmv ha lasciato l’auto al lavoro, hanno finito il lavoro e hanno riconsegnato un’auto da queste parti, così (visto il traffico incasinato e il troppo tempo di percorrenza) anche lui ha deciso che una camminata nella neve era corroborante!
Io, sono chiusa in casa, causa raffreddore persistente (o forse è diventato qualcosa in più, ma il Medico non è reperibile fino a lunedì e chissà se lunedì avrà voglia di affrontare la neve della collina!)
Poche scorta, cucinare qualcosa di caldo . . . sabato, gli uomini a fare spesa, col supermercato vuoto,  sia di gente per i corridoi che di prodotti sugli scaffali .  .  .  con L’Udmv che va a controllare tutti i “meteo” della Tv e su Internet .  .  .

Annunci

Caro Diario

Caro Diario,
eccomi finalmente qui, passata la grande ondata delle Feste di Natale, a raccontart
i le cose più importanti di questi giorni . . .

La sera della vigilia, sono tornata a casa verso le 20,00 . . . avevo lasciato le mie istruzioni all’Uomo della mia vita (io al pomeriggio lavoravo, lui no!).  Una di queste era: "leggi la ricetta sul giornale, e fai come è scritto lì", risultato su due piatti di pesce, ne abbiamo mangiato uno solo, quello che: "c’è solo da accendere il forno". . . ma dopo un piatto di risotto di mare, ci è bastato abbondantemente (avendo io già mangiato un po’ del mio fegato)!

Il giorno di Natale, passata la mattina come gli assistenti di Babbo Natale, a preparare pacchetti e pachettini!  Siamo andati a Messa, e ci siamo trovati in un punto dove c’erano famigliole, con un figlio o due in età scolare, e noi, l’Udmv, il nostro "bambino" con tanto di barba, ed io, . . . commovente! Nella chiesa che più piena non si poteva, un frate ha cantato, "a cappella", tutte le strofe della canzone "Astro del ciel" bravissimo, senza nemmeno un’esitazione!
Una scappata dal fratello dell’Udmv, Per scambio di doni . . . mia cognata mi dice che il regalo per me ce l’ha, ma siccome non è convinta, non me lo da . . me lo darà! Io regalo alle bis nipoti, il CD alla cui preparazione ha collaborato Giorgetto! 

Per il pranzo siamo stati invitati dalla figlia grande, . . . che ha sempre criticato le nonne perchè cucinavano "le solite cose di Natale" perchè facevano "porzioni troppo abbondanti" . . . e che, almeno questa volta, è caduta negli stessi vizi! . . .
Pomeriggio, una scappata in visita alla figlia putativa, che, causa strapazzi dei preparativi, e del cucinare, era ferma a letto, perchè, ormai manca qualche settimana al parto, e aveva mal di schiena . . .
Poi, tutti dal fratello piccolo . . . in attesa che arrivassero gli altri, nella migliore tradizione, abbiamo guardato un film per famiglie, in TV c’era: "
Come d’incanto" scelta felice, non volava una mosca!
Dopo, quando sono arrivati tutti, (tutti reduci dai pranzi pantagruelici con le rispettive suocere, cognati e cognate, nipoti!) abbiamo fatto una  recita estemporanea e frammentata (ognuno una parte) della poesia
"La notte Santa" di Gozzano . . . lo scambio dei regali, con una confusione di carte, nastri e fiocchi, qualche sorriso, qulalche delusione  . . . telefonate comulative, prima al nonno e poi alla figlia piccola, che hanno festeggiato da un’altra parte d’ Italia . . .
Dopo una certa ora proposto un bel brodo caldo, rifiutato . . . proposti dei crostini con la spuma di prosciutto, finita in  quattro e quattr’otto!

A Santo Stefano, il fratello piccolo doveva partire con la famiglia e il camper . . . dopo un bel po’ di telefonate fra i due capi famiglia . . . problemi di batteria e di contatti elettrici . . . proprio mentre metto la tovaglia, sento dire "Va bene, vieni qui . . ."  Quando sono arrivati, ho semplicemente aggiunto un po’ di brodo alla pentola dove già stava scaldandosi . . . qualche piatto in più sul tavolo, la cognata ha portato in casa i pacchetti con i suoi avanzi di Natale, io, ho tolto dal frigor la ciotola di scorta della spuma di prosciutto ed ecco, pronto un pranzo degno del giorno dopo Natale, per finire . . . panettone, torrone, spumante!

Verso le 17 se ne tornano a casa loro, la partenza è rimandata a domani . . . noi due, l’Udmv ed io, riusciamo ad andar dall’altra nipote con bambini piccoli, ai quali regalo l’altro CD di "Ciò che c’è", loro lo ascoltano subito . . . Passiamo anche dalla cognata (sorella dell’Udmv) che, bontà sua, ogni anno mi regala un bel "fristingo" . . . che Natale è senza il "fristingo"?

Ma la cosa più divertente del giorno di Santo Stefano, è stato, quando, al momento della cena, ho pensato ad una persona, e ho detto all’Udmv, "Adesso lo chiamo e gli dico che ho un fristingo, da 1.600 grammi . . . mentre prendo il telefonino . . . "Driiiiiinnnnnnnn", rispondo ed era lui, il mio quasi gemello che, essendo nelle Marche ci invitava ad andare a trovarlo, sù, verso la fine della regione . . . dopo un paio di spiegazioni al mio "autisto" tutto concordato per il giorno dopo!

Ed eccoci, caro diario, a ieri, sabato di "ponte" mattinata di lavori in casa, lava i panni, stendi, riordina, e sopprattutto, un giro in ricicleria con vetro, carta, plastica e lattine, accumulata nell’ultimo mese . . . telefonata del fratello che conferma che è arrivato di là degli Appennini, senza grandi problemi . . . Pranzo, caffè e poi, partenza verso la provincia di Pesaro . . . otttimizzando il viaggio, ci siamo fermati una mezz’oretta presso la Santa Casa di Loreto, recitato una preghiera per parenti, amici e conoscenti, un ringraziamento per l’anno trascorso, che benchè "bisesto e funesto" è passato e in famiglia c’è ancora amore, allegria e armonia!
Arriviamo e saliamo in paese che è buio e nevica . . . grazie al telefonino dopo poco arriva
Factum ad accompagnarci dove è casa sua, conosco finalmente sua moglie e la figlia . . . un po’ di chiacchiere, sui blogs, sui bloggers, sulla famiglia e le solite cose . . . facciamo un giro per il paese, che vi consiglio (se volete notizie, io sono qui) e poi, andiamo a cena . . . è bello stare insieme, qualche chiacchiera ancora, a casa loro, e poi, la partenza.
Sull’Autostrada segnalazioni di possibili nevicate,  meno male che non se n’è vista molta di neve, mentre ci passavamo, perchè tra i camion che sono ripartiti, la strada che è un cantiere continuo . . . la neve, non ci serviva proprio!
Siamo stati proprio contenti da aver rivisto un amico e conosciuto la sua famiglia!
E questo mi ha portato a riflettere sul fatto che tutti quelli che mi conoscono, se appena accenno al fatto che scrivo e leggo i blogs, pensano che sia un richiudersi, un perdere 
qualcosa in termini di rapporti umani . . . mentre per me, è proprio il contrario! Ma questa, come si dice "è un’altra storia"!

Adesso, scappo, ce ne ho di cose da fare . . . non posso perdere tempo col Pc, altrimenti, magari, mi staccano la connessione! In certe cose, i miei uomini sono fermi al Medioevo, la mamma, deve fare la "MAMMA", non la cyber-mamma

Straniamento

Ieri mattina, passeggiata al lungomare, gente in costume, che prende il sole, qualcuno cammina già a piedi scalzi nell’acqua del mare!
Prendiamo l’auto, ci allontaniamo di 500 metri, sulla soppraelevata, che ci porta fuori città, l’occhio spazia, . . . il cuore fa un sobbalzo e la mente rimane paralizzata dalla meraviglia!

A Est, sull’orizzonte, altre i campi, lavorati o incolti, c’è il mare che luccica al sole, di fronte, verso Sud, si intravede la Maiella, bianca di neve, e verso Ovest, si vede il Gran Sasso, i monti della Laga e il Vettore (Sibilini) tutti ancora abbondantemente innevati . . .

Non avevo nessun tipo di macchina fotografica, mi spiace, dovete fidarvi delle mie parole, uno spettacolo magnifico!