Archivi

Buon Natale 2014

Stella_Presepio_stella_cometa_BEWO

Una stella sulla strada di Betlemme

Era inverno

e soffiava il vento della steppa.
Freddo aveva il neonato nella grotta
sul pendio del colle.
L’alito del bue lo riscaldava.

Animali domestici stavano nella grotta.
Sulla culla vagava un tiepido vapore.
Dalle rupi guardavano
assonnati i pastori
gli spazi della mezzanotte.

E li accanto, sconosciuta prima d’allora,
più modesta di un lucignolo
alla finestrella di un capanno,
tremava una stella
sulla strada di Betlemme.

(Boris Pasternak)

10846042_1011240255560077_4236985344364554109_n

Natale è arrivato . . .

Verbum caro factum est

 

BARCELONA-GAUDI-MODERNISM-SAGRADA-FAMILIA-BIRTH-OF-CHRISTGaudì – Sagrada Familia – Facciata della Natività

Il cristianesimo è tutto qui, in questa contemplazione di un Dio fatto povertà, di un Eterno fatto mortale, di un Onnipotente fatto infante, di un tre volte Santo diventato terra come noi, mortale.

Fr. Enzo Bianchi, Priore di Bose (se volete leggere tutto, cliccate qui)

Natale 2012 – La cronaca

E se la Vigilia è stata una corsa . . . la spesa, una pazzia programmata. Il riordino della casa, un tormento di Sisifo. I preparativi culinari, un girone infernale, tra l’Udmv che vuole controllare e la FigliaGrande che (come tutti i cuochi) non ama chi si avvicina ai fornelli e si diverte a “alzare i coperchi” . . .
Fiordicactus fa il jolly, dove serve e cerca di tenere sotto controllo 3 cani e un PiccoloLord.

Il PiccoloLord, in principio doveva stare dal suo papà dalla domenica fino alla sera di Natale, poi, per problemi vari, ha passato quei tre giorni un po’ in una casa e un po’ in un’altra.

Il giorno di Natale è stato un  giorno tranquillo, gioioso, da film . . . Iniziato poco dopo la mezzanotte, forse le due??? Io dormivo e mi sono accorta di una certa confusione in sala, essendo di animo romantico, ho pensato a Babbo Natale e i  suoi elfi, invece era arrivata la FigliaPiccola, col diLeiAmatoBene e la FigliaGrande li stava rifocillando . . . salutati tutti e tre, me ne sono tornata a letto,  dopo un’oretta il silenzio riconquistato è stato disturbato dal Figli, che rientrava allora. 
La sveglia successiva, per fortuna, è stata verso le 9.00 . . . come si conviene a un giorno di festa. 

La colazione, per quelli come me che non sono svegli se non dopo averla fatta . . . i pacchi da aprire, con grande entusiasmo, per il PiccoloLord . . . l’emozione negli occhi della sua mamma e la gioia in quelli della FigliaPiccola.  Il nonno (l’Udmv) che fa la chioccia e si preoccupa di preparare il caffé, il latte e di aprire il panettone . . . gli zii, che mentre fanno colazione buttano un occhio a quella confusione e borbottano incoraggiamenti al PiccoloLord e frasi sarcastiche alle donne di casa . . .

L’ 0ra di pranzo arriva presto, ma non ci preoccupiamo, la parola d’ordine è “relax” . . . portato il PiccoloLord a casa del suo papà, ci siamo preparati all’arrivo del NonnoBisnonno e compagna.
Il menù non era quello solito (e esagerato) della tradizione della Costa, ma qualcosa che ci piaceva di fare e mangiare . . . come dovrebbe essere in una festa di famiglia che è anche il ricordo di una nascita importante e non solo una gara a chi cucina e/o mangia di più.

DSCN1989

Il menù è stato scritto su un bel cartoncino, con un disegno natalizio, opera della FigliaGrande e con l’impronta della mano del PiccoloLord. Il centro tavola, piccolo, ma profumato, con le candele che profumavano di cannella e i segnaposti, tutti frutto dell’inventiva della FigliaGrande,
Le portate comprendevano gli antipasti:  Stuzzichini gustosi (un “albero di Natale” salato), Arance e Olive nere (insalata d’arance del nostro arancio) e nervetti
(piatto tradizionale lombardo) . . .
Niente “Primi di pasta ripiena e/o al forno” . . . siamo passati direttamente alla Polenta (e chi lo voleva l’ha farcita con taleggio e gongorzola) che accompagnava l’Arrosto di Coscio di Maiale “vestito” e la Purea di mele a cui hanno fatto seguito un Trionfo di verdure al forno, dove le patate al forno la facevano da padrone . . . lo so, non era ben equilibrato, ma erano cibarie che ci piacciono molto.
Insieme ci abbiamo bevuto del buon RossoPicenoSuperiore e del Verdicchio di Jesi.
E poi, siamo passati ai dolci, tradizionali: Panettone e Fristingo. E  per finire, qualcosa di frutta per chi aveva ancora un angolino libero.

E il pomeriggio è stato tutto per le chiacchiere, lo stare insieme . . . vedere le foto 900 e rotte, della settimana a Londra della FigliaPiccola (nemmeno una con il cugino Giovanni, che abita là e col quale ha passato dei bei momenti), ascoltare i suoi racconti . . . parlare del più e del meno, riposarsi, e, alla fine, ritrovarsi intorno al tavolo per la cena . . . nel frattempo è tornato a casa anche il PiccoloLord.

Quanto manca a Natale???

Manca poco al Natale . . .

Christmas countdown banner

e la sala è piena di scatoloni. . .  
palle colorate, festoni e gingilli di ogni tipo
FigliaGrande ha deciso che “deve controllare”
. . . 
Dopo aver controllato tutti gli scatoloni
i pupazzi del presepe e gli addobbi
Ok! Ho la visione di come farò l’albero . . . “
ha esclamato!

Ho paura a chiedere.

. . .

Devo vigilare, lei è dell’idea che certe cose 
vecchie di anni, siano da buttare . . . e poi,
chi lo spiega alla FigliaPiccola, più tradizionalista,
che quel tal “lavoretto”, che ha fatto all’asilo,
ha trovato la strada del cestino???

. . .

E come fare, se il Figlio, che a queste cose ci tiene,
e da anni ci pensa lui, 
trova fuori posto le pecore del presepe 
o le oche lontane dal loro laghetto di carta d’argento
e che dire della posizione “esatta” del castello dei Re Magi??? 

. . .

Mi chiedo . . .  arriveranno integri a Natale
l’ albero, il presepe o gli addobbi???
Con in casa i due cani e
un PiccoloLord
curioso e vivace???

 

Natale . . . pranzi, parenti, pacchetti

Con questo video, montato nei pochi attimi liberi, mentre era qua, prima di Natale, la FigliaPiccola ha augurato Buon Natale a tutti! E è servito per far capire alle zie meno tecnologiche (ma più ricche di anni) qual’è il suo lavoro!

La giornata si è presentata fin dall’inizio difficile . . . siamo andati a letto che era quasi l’una, stanchi . . . ci siamo svegliati che erano già le 8,30, cucinare, riordinare quello della sera prima, la Messa, preparare per il pranzo . . . insomma alle 14.00 siamo riusciti a sederci con gli ospiti a gustare prevalentemente:

Nervetti in insalata (lombardo)
ciaiuscolo
(marchigiano)
pecorino e ventricina
(abruzzese)

Polenta (bergamasca) con Brasato (piemontese)

Abbiamo anche “corrotto” il palato dei nostri ospiti, con tocchetti di taleggio da “nascondere” nella propria fetta di polenta.

Malgrado le idiosincrasia e le paranoie di qualcuno che un menù così “etnico” potesse non essere gradito agli ospiti, dai quali era arrivata solo la richiesta di poter mangiare la polenta come in altaItalia, tutto è stato gradito (comunque di scorta avevamo dei polli allo spiedo, dal nostro rosticcere di fiducia, che però, sono in gran parte avanzati) e spazzolato, con l’aiuto del solito RossoPicenoSuperiore e del RossoPicenoNovello.

Scambio di regali, un po’ prima e un po’ dopo pranzo . . . Dolci, spumante e, tanti saluti e io sono scappata a fare il riposino (eh già ho preso i vizi dal PiccoloLord).

Come d’abitudine nel pomeriggio siamo andati a trovare la sorella dell’Udmv, il  suo regalo le avevo già mandato, ma abbiamo portato il regalo alla nipote, la prima che l’ha chiamato “zio”, e per i suoi bambini . . . vista la crisi ho riesumato alcune cianfrusaglierie cose che avevo in fondo ad un armadio: salvadanai comprati ai saldi, album da disegno presi alla pesca di beneficienza degli scout di domenica  scorsa, pastelli che ci hanno regalato in un anno ogni volta che compravamo il latte . . . insomma, spese molto contenute.
Quattro chiacchiere, la visione del video (e non solo quello), racconti, aneddoti e i sogni del futuro, prese in giro di cui spesso la sottoscritta è bersaglio . . . insomma come in ogni famiglia che si rispetti!
In cambio, il regalo che aspetto ogni anno con emozione . . . un bel pezzo di fristingo, preparato secondo la ricetta della nonna dalla cognata con le sue proprie mani . . . quest’anno ha superato se stessa. Perchè, dovete sapere che,  il fristingo, non è sempre uguale a se stesso, dipende da tanti fattori . . . la ricetta c’è, ma poi, un goccio in più di caffé, un cucchiaio in più di cioccolato, qualche noce in più o in meno, fanno la differenza.

Siamo poi passati a salutare la famiglia di suo fratello, loro i figli, nuore e le nipotine (abitano tutti nella stessa palazzina). Andiamo sempre noi da loro,  perché in questi giorni hanno sempre anche le famiglie delle nuore e le nipotine, che sul più bello si addormentano.
Mi è stato regalato un barattolo, allegramente confezionato, pieno di lenticchie per l’ultimo dell’anno. Ho regalato anche qui salvadanai e album da disegno e pastelli e tutti hanno apprezzato! Sia queste che gli altri bambini si sono messi subito a colorare!

Poi, i figli ci hanno salutati tutti e sono andati a fare Natale con gli amici, il cognato e la cognata ci hanno invitati a casa loro (via dalla tanta folla) per prendere qualcosa con loro. Non pensate male, ci siamo limitati a cioccolatini e acqua. Nel chiacchierare, siamo arrivati ad alcuni problemi di lavoro del cognato e, dalle 19.30 abbiamo fatto le 23.00 senza nemmeno accorgerci, lui raccontava così bene le sue vicissitudini noi si faceva una domanda ogni tanto.

Insomma, un Natale come da tradizione! Ricco, anche se non di soldi, di gente e di affetti.

Anche quest’anno: Vigilia di Natale

 

Antipasti

Alla fine ce l’abbiamo fatta . . . anche per quest’anno siamo sopravvissuti al trittico delle feste di Natale!

In questi giorni abbiamo incontrato un cliente dell’Uomodellamiavita e nel parlare del Natale in arrivo ci ha chiesto: “Voi siete di quelli che festeggiano la Vigilia o Natale?”, ridendo abbiamo risposto: “Noi siamo di quelli che . . . Vigilia, Natale e anche Santo Stefano!”, che ridere la faccia che ha fatto quando ci ha augurato Buone Feste!

Non ci sono molte foto, ma qualcosa vi farò vedere . . . il menù per la Vigilia, alla fine era:

Crostini con Anciove al verd

Cocktail di Scampi

Insalata di Arance e Finocchi

 Crepes con Ricotta e Radicchio rosso 

Crepes con Ricotta  e Bietoline

Crepes ripiene

 Polenta taragna e Indivia belga

con mousse di formaggi

Polenta taragna - indivia belga - mousse di formaggi

 Frutta

Dolci di Natale

 Rosso Piceno Superiore

Rosso Piceno Superiore Novello

Spumante Italiano

Arrivata col fiatone all’appuntamento con la cucina sabato, dopo che giovedì mattina: PiccoloLord; al pomeriggio: vari impegni e spesa; venerdì mattina: Piccololord; al pomeriggio : ancora spese. Ma anche sabato mattina, la FigliaPiccola e il Figlio, sono fuori, per gli ultimi acquisti. L’Udmv e io, impegnati a sbarazzare la sala/entrata/cucina delle cose che non servono, riordino, pulizia e organizzazione (senza dimenticarsi che, sabato e festivi si fanno le lavatrici, per via della tariffa bioraria . . . caos ovunque, in pratica!
Insomma, preparate nelle loro belle vaschettine le acciughe con bagnetto verde “Anciove al verd , impacchettate e recapitate come regalo alle cognate (dai Figli e dall’Udmv), era ora di pranzo . . . e qui non si sgarra, in ritardo, ma abbiamo avuto, pasta al sugo e carne con verdura, frutta e poi . . . aspettare il rientro dei figli!
Insomma siamo arrivati alle 18.30 quando è arrivata in stazione la Morosa del Figlio che eravamo ancora in alto mare, con l’Udmv che stava approntando l’albero e la FigliaPiccola tirava fuori le statuine del Presepe . . . quando è arrivato il Figlio con la Morosa, abbiamo messo al lavoro anche loro . . . alla fine, siamo riusciti a metterci a tavola un po’ più tardi del solito e ci siamo gustati tutto, sebbene il Figlio si sia lamentato delle porzioni troppo misere (secondo lui) e del fatto che, sempre secondo lui, nell’imbottitura delle crepes, oltre alla ricotta e le verdure, ci sarebbe stata bene un po’ di pancetta rosolata . . . È piaciuta molto la polenta taragna con l’indivia belga e la mousse di formaggi (per la sua preparazione mi sono ispirata a questa ricetta) .
Abbiamo rimandato i dolci al giorno dopo, visto che eravamo già sazi!

Ci siamo scambiati i regali intorno alla mezzanottee per fortuna il regalo che ho fatto alla Morosa del Figlio è piaciuto! E a me, è piaciuto il suo!

Preparativi culinari

Domani sera arrivano da Roma, la FigliaPiccola col suo AmatoBene e canina al seguito.
Il Figlio e l’Udmv, lavorano almeno fino alle 12,30 (il padre, forse qualcosa in più!).
Io, ho deciso di rimpinzarli ben bene, e domani sera offrirò loro un menù che ho sperimentato qualche domenica fa con giudizi e commenti della Angela (ricordate, la compagna di mio padre, facente funzione di nonna e a volte di mamma), per aiutarmi a migliorare le ricette.
Sia che siete curiosi sia che non ve ne importi niente, vi metto il menù . . . piatti liberamente ispirati da ricette trovate su vari giornali e adattati
.

Dunque, da domani mattina sarò impegnata a preparare per domani sera queste bontà, garantite:

Mousse di branzino e uova di salmone
Foglie di belga al salmone
Cocktail di scampi
Rotolini in bianco e verde
Trecce di platessa, su letto di patate
Spiedini arrosto

Spiedini di pesce

Penso di preparare anche questi altri piatti, che mangeremo al pranzo Natale, ricette prese qua e là, nel corso del tempo:
 

Vol au vent, ai funghi
Crostoni ai fegatini, della Diggiu
Fagottini al radicchio
Gesuiti
Arrotolato di tacchino, contornato da spinaci



Al pomeriggio, arriveranno i miei fratelli con i nipoti, la FigliaGrande e il PiccoloLord, e chi vorrà far merenda, troverà un té, qualche fetta di panettone e pandoro, da scegliere fra quelli che ci sono arrivati di regalo e un brindisi con lo spumante . . . se qualcuno rimane fino a tardi, per la cena preparo un brodo, da bere da solo con con i tortellini!

Nel frigor ho messo a marinare un bel pezzo di carne, perchè in un primo momento avevo proposto chal pranzo del 26 pensassero i giovani, ma dopo aver saputo che il loro pensiero era: "pasta al burro", ho deciso per una polenta con brasato . . . una cottura che non  impegna più di tanto.



Dopo queste feste, vi farò sapere il gradimento raggiunto. E se volete, vi svelerò le ricette i "segreti"!