Archivi categoria: gioco

Cosa c’è in frigor??? Verza ripiena

Una mattina di qualche giorno fa, mi frulla nella testa la domanda che assilla (a volte) la mente di ogni mamma italiana: “Che cucino oggi?”.
Butto uno sguardo interessato al contenuto del frigor . . . e trovo: una confezione di pasta brisée, un bel pezzo di p. cotto, una confezione di ricotta, un pacchetto di carne macinata, una ciotola piena di pasta madre che è stata rinfrescata il giorno prima senza sapere di preciso cosa farne, mezza verza che invecchia da due giorni chiusa nella sua pellicola trasparente, la voglia di non sprecare . . .
Per il prosciutto e ricotta, aggiungendo un caprino, e usando la pasta brisée, ho in mente una torta salata di antica memoria (un piatto che in casa, va sempre).
Con la carne macinata, invece delle polpette, aiutandomi con la pasta madre,  ci farò un pasticcio di carne in crosta . . . di solito viene bene e piace.
Poi, improvviso, un ricordo lontano di una ricetta sentita, più che vista, in Tv . . . e anche la verza trova il suo posto nel menù “di recupero” della giornata.

Ho preso la mezza verza, che era già pulita, visto che l’altra metà era stata usata per altre ricette . . .  sbollentata e messa su un piatto, aperta come una rosa spampanata . . . intanto ho preparato la farcia,  con un po’ di  salsiccia sbriciolata, il pane (quello fatto da me settimana scorsa era ancora bello) tagliato e bagnato nel latte, poi strizzato. Sale pepe, uovo, grana grattato (tutti gli ingredienti “a occhio”, in base a quello che c’era in frigor e alla grandezza della verza.

DSCN4726

Ho poi mischiato bene tutti gli ingredienti con le mani e poi (visto che era solo mezza verza), ho iniziato dalle foglie grosse che stavano appoggiate al piatto, ci ho messo parte della farcia, ho sistemato sopra a questa un po’ di altre foglie e ancora della farcia, foglie e farcia a strati fino a che non è rimasto più niente da impilare . . .La ricetta originale, ricordo, richiede che venga stufata in pentola con condimenti e sapori, io l’ho appoggiata sulla carta da forno, unta con poco olio, chiusa e richiusa con la carta d’alluminio, messa in un vecchio stampo da budino di alluminio e infilata nel forno per mezz’ora. Tolta dal suo “cartoccio”, messa sul piatto e lasciata nel forno fino all’ora di pranzo a fuoco spento. Alla fine abbiamo gustato un buon piatto compreso di verdura, gusto e allegria.

DSCN4729

Annunci

I miei Eroi . . . in attesa della Vigilia di Tutti i Santi

Vado di fretta in questi giorni, non ho molto tempo, ma volevo “stare sul pezzo” . . . perciò, eccomi qua con un “gioco” che ho presentato anche due anni fa . . . tutto parte da un’iniziativa che gira su Facebook (ogni anno di questi giorni).

“dice la Lucy:  “Invece di vestirci da zombie, esponiamo da qualche parte (ad esempio sul profilo di FB) l’immagine di un Santo: invece di festeggiare Halloween, festeggeremo Holy-ween, originale “made in Jesus”. . . e continua: Lodevolissima iniziativa, non posso che approvare, ma non c’era mica bisogno di inventarsi una festa nuova. Bastava festeggiare semplicemente Halloween, cioè All Hallow’s Eve, cioè la vigilia di Ognissanti; niente più.
Personalmente, non ritengo che Halloween vada demonizzata (qui avevo già scritto le mie ragioni); e anche i mostri hanno una loro ragion d’essere, se si va alle origini di questa festa. Quindi… no, io non festeggio Holy-ween: festeggio Halloween.”

E siccome è una ragazza speciale, festeggia Halloween in modo speciale . . .  Pare che in America ci sia un sito (in America, la Lucy trova dei siti ben strani) che vende T-Shirt molto cool con la scritta “Who’s Your Hero?”. Uno si immagina chissà cosa (un calciatore? Un marine? Il Presidente Obama?), e invece la maglietta riporta sulla schiena i nomi dei veri eroi dell’acquirente. “JESUS, Thomas More, Ignatius…”; oppure “MARY, Edith Stein, Maria Goretti…”.  e allora, le è venuta in mente questa cosa della catena  . . . più che di Sant’Antonio, di Santi, tout court

Il “gioco” si chiama Who’s Your Hero?, dice l’inventrice: “invece di elencarmi cinque cose che non so di voi, vi andrebbe di raccontarmi quali sono i cinque Santi a cui siete più vicini, o che comunque ammirate più di tutti”

A questo punto, scegliete cinque amici blogger e aiutateli a santificarsi attraverso un poco di martirio. Ovverosia, smollategli la catena, e pregateli di unirsi al gioco = tradotto: nominateli e avvisateli

Regolamento:  Elencate i cinque Santi che sentite più vicini, che ammirate di più, o per i quali avete una particolare simpatia. Siccome son di manica larga, mi vanno bene anche i Beati, o qualsiasi individuo per cui sia stato avviato, a qualsiasi livello, il processo di canonizzazione. 

A questo punto, scegliete i cinque amici blogger  di cui sopra . . . che, in teoria, dovrebbero continuare il gioco . . . 🙂

Ora, io sono una “ragazza” giudiziosa e prevedibile . . . e vado di fretta, perciò, aprofitto, scoppiazzando  tra i santi e beati di cui parla quasi quotidianamente lei, nella sua rubrica [Ma che sant’uomo!]  dove le vite dei santi sono piacevoli e raccontate spassosamente. Avrei potuto incominciare dalla mia Santa Patrona . . . o da quella dei miei figli. Avrei dovuto scegliere fra i tanti santi “comuni” che ti vengono in mente appena uno dice:”santi” . . . mi sono dovuta limitare a 5 e (quest’anno) ho scelto questi:

Sant’Edoardo il Confessore

Santa Cunegonda

San Cristoforo

Santa Dorotea di Alessandria

San Michele Arcangelo

Ora, non ho proprio tempo di cercare 5 blogger a cui passare il testimone, ma se chi passa di qua vuole giocare, lo può fare o nei commenti o sul suo blog . . . se lo fate nel blog, segnalatemelo che vengo a leggere! 🙂

Se avete bimbi in casa e volete preparare qualcosa di davvero orripilante, prendete dei vurstel, tagliateli a metà (per avere due mezzi wurstel a tutto tondo, ma corti come un dito) e metteteli su una graticola per qualche minuto, quando si sono formate le righine di bruciacchiato, infilzate (sulla parte tonda) un seme di zucca . . . presentate in tavola le “dita di strega” e vedrete se non c’è almeno uno dei piccoli che non si schifa . . . 😉

Amo il sole, i premi e i blog . . . grazie Francesca!

Mi piace il sole, mi piacciono i premi, mi piace la conoscenza di nuovi blogger grazie ai link e alle  “segnalazioni” che vengono fatte in questi casi . . . è per quello che mi piace quando qualcuno mi fa sapere: “c’è un premio per te“.
Se poi chi decide di farmi questo regalo mi conosce di persona, ma ha iniziato a seguire il blog senza sapere (e capire) che ero io . . . mi piace ancora di più!  

Per tutti questi motivi, dedico questo post al Sunshine Award che ho ricevuto da Francesca di Mamme del Piceno . . .  e mi affretto ad elencare le regole:

  1. Includere il logo premio in un post o nel tuo blog  (fatto)
  2. Rispondere a 10 domande su te stesso/a (fatto, giocando un po’ con l’arte)
  3. Nominare 10-12 altri blogger favolosi (fatto)
  4. Far sapere ai tuoi candidati che li hai nominati (avvisati, quasi tutti)
  5. Citare la persona che ti ha nominato (fatto) 

Il logo:

sunshine award

Le domande:

1. Colore preferito:   giallo/arancione (come un quadro di VanGogh)
2. Animale preferito:  cavalli (come quelli di Aligi Sassu)
3. Numero preferito:  3 (come i miei “bambini”)

FigliaG in II Elem., Figlio alla scuola materna,  FigliaP col muso perché resta a casa! 

4. Drink preferito non alcolico:  Coca Cola (come quelle di Andy Warhol)
5. Preferisci FB o Twitter: Fb (Mi piace usare tante lettere, come Bratsa Bonifacho)
6. La tua passione:  la lettura (come la esprime Fragonard)
7. Preferisci ricevere  o fare regali: fare regali (come i Magi di Palazzo Vecchio a Firenze)
8. Modello preferito: se inteso come “ragazzo” . . . il Davide (di Michelangelo)
9. Giorno preferito della settimana: Lunedì (caotico e preciso, come un quadro di Brugel)
10. Fiore preferito:  gli iris blu (come quelli di Van Gogh),  ma tutti i fiori mi piacciono! 

??????

Siti Web, Blog & Blogger:

images (3)Se volete sentire una parte della canzone, cliccate sull’immagine

E adesso non mi resta che affidarmi al Piccione Impiccione di Stefano del Testa per comunicare a tutti questi 12 amici che li ho “nominati” . . . non tutti continueranno la “catena” dei premi . . . ma non importa . . . Li ho messi come consiglio per i miei lettori (saranno 25 come quelli dei Promessi Sposi???) che passano di qua, sono blog o siti web che meritano davvero almeno uno sguardo.

 Sono sicura che su alcuni tornerete più e più volte!

Giochi per stare insieme

In un passato non troppo lontano, quando la famiglia era ancora giovane e ci si riuniva tutti insieme a casa di mia Suocera, era abitudine, durante i giorni di festa, tra il caffè e la fine del riordino della cucina da parte di noi donne, che la nonna, per tenere buoni i bambini, ricorresse ai tradizionali giochi di Natale. Erano momenti di gioia per tutti quanti, in particolare per i bambini.
Se poi era la sera dell’ultimo dell’anno, quando si doveva  rimanere svegli fino a tardi era un bel modo di far passare il tempo. Si trattava di giochi semplici si scommettevano poche monetine (che fin da novembre venivano messe da parte per questo scopo), Si giocava soprattutto a tombola, che, non so per quale ragione storica, insieme al 7 e mezzo e al gioco della 
“Bestia” fanno parte dei giochi d’azzardo permessi (e, per quello che riguarda la “Bestia”, molto giocato ma dai soli adulti) nel periodo dell’Avvento, fino alla Befana.

La tombola è considerata un simbolo del Natale, anche se ha una derivazione pagana, durante i Saturnali, si permetteva il gioco d’azzardo che invece era proibito durante tutto l’anno.  Si sa come si gioca, c’è il cartellone e le cartelle, chi “tira” i numeri dal sacchetto e chi li segna sulle cartelle, coi bottoni, coi fagioli o altro, da mia Suocera, con le fave secche . . .  io mi ricordavo le tombole dei miei verdi anni, con dei regali “mangerecci”: caramelle, torroncini, soldini di cioccolato, invece, in casa della Suocera, soldini anche per i bambini. Da piccola ricordo che mi divertivo un sacco, da grande, mi prende un sooooooonno . . .

20100701122046

7 e mezzo, invece è un gioco di carte che non capisco . . . sì, lo so che le figure valgono mezzo punto e che non bisogna superare il 7 e mezzo, ma come giocarci con le monete??? Quelle che erano più brave e che vincevano più spesso, la Suocera e la FigliaPiccola . . . Anche se questo gioco è nazionale, dalle parti dove sono nata, quando si fa 7 e mezzo con due sole carte si dice che è “d’amblè”, in altre parti, si dice “legittimo” . . . A questo proposito, ricordo che quando ero incinta del Figlio, un giorno andai dal Dentista, col mio pancione. Lui mi guarda e mi chiede di “quanti mesi” fossi. Io rispondo: ” Sette e mezzo!” e lui: “Legittimo???” Dopo un momento di shoc rispondo: “. . . Certo! Io e mio marito siamo sposati!” .  Il Dentista: “Scusi, scusi . . . non intendevo quello . . . sa quando si gioca a 7 e mezzo . . . !” La colpa è mia, non amo i giochi di carte!

000 gioco_oca (1)

Altro passatempo festivo assai popolare in questo periodo è ed era  il “Gioco dell’oca”, tra i più semplici giochi da tavolo dedicati ai bambini. La versione moderna del gioco (con il percorso a spirale e le decorazioni tipiche) risale alla seconda metà del XVI secolo (ma questo l’ho scoperto in questi giorni, facendo le mie “ricerche!).
Lo so, non dovrei dirlo, ma tra i tanti giochi tradizionali, questo è quello che preferisco, un tabellone, due dadi, e le oche colorate . . . poche regole che se le vuoi seguire sono scritte sul tabellone e non c’è bisogno di ricordarle, le principali sono che dove c’è l’oca si raddoppia il risultato dei dadi, se arrivi sul “pozzo”, in “prigione” o sul “ponte”, stai fermo un giro e ci si diverte anche da grandi! Ce ne ho una davvero bella, quasi nuova e un’altra che riporta i monumenti di Bergamo.

Poi, in una scatoletta, dove ho i miei “tesssori”, riposano, in attesa di essere usati, un mazzo di bastoncini dello “Shangai”, un “gioco del 15” e una scatoletta di “pulci” . . . mi sa che questo Natale propongo questi, altro che videogiochi o giochi con Cd . . . 

                                                                                                                   

Calendario dell’Avvento 2012 ><

2196 (1)
Pastore

Premio “Versatile blog”

“Passo questo premio a… chiunque abbia voglia di raccoglierlo; non faccio nomi e link perché è molto probabile che le persone in questione l’abbiano già ricevuto e rilanciato! 😉 “


Ho trovato questa immagine e le parole scritte sopra, nel blog  Senza traccia qualche mese fa, mi è piaciuto subito questo “premio,” per cui ringrazio Marco di averlo “ri – lanciato” nel mondo dei blog.
Versatile blogger lo siamo un po’ tutti, mi sono sentita molto “chiunque” e ho deciso che prima o poi avrei ritirato il premio e lo avrei rilanciato . . . purtroppo i miei tempi si sono dilatati, scusate!
Versatile blogger, come è versatile la vita . . . riso e pianto,  gioie e dolori, amicizia e indifferenza, bello e brutto,  sole e nuvole, amore e odio e potreste continuare la lista anche voi!
Versatile blogger impone anche degli obblighi . . .
a. ringraziare chi glielo ha assegnato, mettendo il link al suo blog.
b. condividere 7 cose/fatti/notizie su se stesso.

La parte “a”  è stata espletata . . . passiamo alla parte “b” :

  1. sono una timida estroversa, per cui a volte sembro scontrosa a volte troppo ciarliera . . .
  2. sono sposatissima e non sono pentita della mia scelta, anche se l’Udmv (*) ha i suoi difetti . . .
  3. sono madre/zia/nonna e mi piacciono bambini e ragazzi, ma posso vivere anche senza . . .
  4. sono curiosa di conoscere il perché delle cose, come un bambino, ma non sempre la gente che ho intorno mi sa spiegare . . .
  5. sono chiacchierona, ma so anche ascoltare. . . purtroppo, a volte so già le battute che mi diranno . . .
  6. sono un po’ troppo “cicciotta” . . . non so dire di no a certe pietanze e, siccome cucino io, quelle che mi piacciono di più compaiono più spesso nei miei menù . . .
  7. sono affettuosa, ma non amo troppe smancerie . . . preferisco i fatti

Anch’io lo “rilancio” a tutti quelli che lo vogliono “raccogliere” . . .  senza impegni, senza obblighi, ma in allegria!
Questa volta non segnalo nomi e link perché è molto probabile che le persone che ho in mente  l’abbiano già ricevuto e rilanciato! O che siano di quelle che hanno i blog “Award Free” . . . 🙂

(*) L’Uomodellamiavita = IlPadredeimieifigli = . . . . . . . ecc ecc, sempre lui: Mio marito! 😀

5 Super Eroi – Who’s Your Hero?,

Raccolgo l'invito dell'amica (virtuale) Lucyette,  praticamente, mi ha "incatenata", per curiosità, dice lei . . .

Pare che tutto parta da un'iniziativa che gira su Facebook, dice la Lucy:  "Invece di vestirci da zombie, esponiamo da qualche parte (ad esempio sul profilo di FB) l’immagine di un Santo: invece di festeggiare Halloween, festeggeremo Holy-ween, originale “made in Jesus”. . . e continua: Lodevolissima iniziativa, non posso che approvare, ma non c’era mica bisogno di inventarsi una festa nuova. Bastava festeggiare semplicemente Halloween, cioè All Hallow’s Eve, cioè la vigilia di Ognissanti; niente più.
Personalmente, non ritengo che Halloween vada demonizzata (qui avevo già scritto le mie ragioni); e anche i mostri hanno una loro ragion d’essere, se si va alle origini di questa festa. Quindi… no, io non festeggio Holy-ween: festeggio Halloween.

E siccome è una ragazza speciale, festeggia Halloween in modo speciale . . .  Pare che in America ci sia  un sito (in America, la Lucy trova dei siti ben strani) che vende T-Shirti molto cool con la scritta “Who’s Your Hero?”. Uno si immagina chissà cosa (un calciatore? Un marine? Il Presidente Obama?), e invece la maglietta riporta sulla schiena i nomi dei veri eroi dell’acquirente. “JESUS, Thomas More, Ignatius…”; oppure “MARY, Edith Stein, Maria Goretti…”.  e allora, le è venuta in mente questa cosa della catena  . . . più che di Sant'Antonio, di Santi, tout court
 T-Shirti molto cool con la scritta “Who’s Your Hero?”. Uno si immagina chissà cosa (un calciatore? Un marine? Il Presidente Obama?), e invece la maglietta riporta sulla schiena i nomi dei veri eroi dell’acquirente. “JESUS, Thomas More, Ignatius…”; oppure “MARY, Edith Stein, Maria Goretti…”.

    

 Il

Il "gioco" si chiama Who’s Your Hero?, dice l'inventrice: "invece di elencarmi cinque cose che non so di voi, vi andrebbe di raccontarmi quali sono i cinque Santi a cui siete più vicini, o che comunque ammirate più di tutti "que Santi che sentite più vicini, che ammirate di più, o per i quali avete una particolare simpatia. Siccome son di manica larga, mi vanno bene anche i Beati, o qualsiasi individuo per cui sia stato avviato, a qualsiasi livello, il processo di canonizzazione.

A questo punto, scegliete cinque amici blogger e aiutateli a santificarsi attraverso un poco di martirio. Ovverosia, smollategli la catena, e pregateli di unirsi al giorno.
 Illncvojfchoaefhoweòfhwoerfwejrj efpwQEIIIl RE 

Regolamento   Elencate i cinque Santi che sentite più vicini, che ammirate di più, o per i quali avete una particolare simpatia. Siccome son di manica larga, mi vanno bene anche i Beati, o qualsiasi individuo per cui sia stato avviato, a qualsiasi livello, il processo di canonizzazione.

A questo punto, scegliete cinque amici blogger e aiutateli a santificarsi attraverso un poco di martirio. Ovverosia, smollategli la catena, e pregateli di unirsi al gioco. (tradotto: nominateli e avvisateli)) )). )    o  

 Ora, io sono una "ragazza" giudiziosa e prevedibile . . . avrei potuto stupirla scoppiazzando  tra i santi di cui parla quasi quotidianamente lei, nella sua rubrica [Ma che sant'uomo!]   dove le vite dei santi sono piacevoli e raccontate spassosamente. Avrei potuto incominciare dalla mia Santa Patrona . . . o da quella dei miei figli. Avrei dovuto scegliere fra i tanti santi "comuni" che ti vengono in mente appena uno dice:"santi" . . . mi sono dovuta limitare a 5 e ho scelto questi:

  •  
  • S. Alessandro – patrono della città dove sono nata
  •  
  • S. Benedetto Martire – patrono della città dove ho trovato l'amore
  •  
  • S. Giorgio – patrono degli Scout e siccome Semel Scout Semper Scout (in italiano Scout una volta, Scout per sempre, in inglese Once Scout, Forever Scout) 
  •  

  • S. Geltrude – fondatrice delle Suore Sacramentine di Bergamo di cui faceva parte una mia zia
  •  
  •  S. Lucia  – ve lo devo spiegare??? Be', leggetevi questo post, facciamo prima
  •  
  •  
  • E ora passo a incatenare a questo gioco e ad avvisarmi quando l'hanno fatto . . .
  •  
  •  
  • ll Sup, perchè voglio vedere come se la sbriga . . . e perché è da un pezzo che non scrive sul blog! 
  •  
  • Diggiu, perchè è un'amica anche di un'amica e voglio arrivarci prima che la nomini Nihil!!!
  •  
  • Paluca – perchè . . . perchè serve sempre un perché? Diciamo che anche io sono curiosa!
  • E ancora Cuore di Pizza, come regalo del suo Anniversario di Battesimo!  

    Poi CrazyUncinetto, perché è una nuova "amichetta" e voglio conoscerla meglio!  

    Purtroppo, c'era da scegliere solo 5 fra i molti "amici" che ho in rete  . . . se qualcuno volesse partecipare, lo può fare, mica sioamo all'Università che c'è il numero chiuso . . . più siamo e più ci si diverte! Anche i santi, ne avrei messi di più, ma le regole sono regole! Se qualcuno mi ri nomina, ne metto altri 5!

    E adesso, di corsa da Lucy, a dirle che il lavoro è fatto! 'Notte

    Aggiornamento: Visto che la Diggiu mi ha "incatenata", e per non intasare di troppi santi questo blog, ho scritto un nuovo post nel blog "dependance", quello che mi sono ritrovata dopo l'iscrizione, fatta perchè qualche blog non accetta caramelle dagli sconosciuti one, perncinetto . . . Un
     

    Diamo i numeri

    Se vi capita di leggere nel blog di una simpatica e magnifica giovane mamma questo invito:

    Quindi vi prego di fare una cosa inusuale.
    Prendete il premio e lo copiate sul vostro blog.
    Poi scriveteci sotto "Che storia! Un premio! Me l'ha dato Wondermamma! Mi vuole tanto bene…"
    Mica mentite. Mica dite Roma per Toma. Mica scambiate zeppole per panzerotti.
    Quindi fatelo!
    E poi fatemi sapere…

    Gioco per Natale . . . e dintorni

    Sto pensando a qualcosa di diverso dalla solita tombola, dai giochi di carte, dai giochi da tavola per le feste di Natale . . . qualcosa che posso lanciare adesso ai nipoti, ormai grandi, e tramite loro anche agli adulti di casa . . . ed ho trovato questo post . . .fresco fresco! 
    Lancio anche a voi l'idea, volete partecipare??? Io aspetto le vostre risposte!

     Me, nel presepe (Dal Blog di Lucyetta)

    Messa così, sembra che stia facendo la pubblicità al negozio di un mio amico; invece, la citazione è funzionale al resto del racconto. A Torino, esiste uno splendido negozietto che è totalmente incentrato sul Natale. Sia che tu ci vada in questi giorni, sia che tu ci entri in pieno agosto, il negozio è sempre quello: vende presepi, decorazioni per l’albero, e ghirlande natalizie. Immagino che “fuori stagione” tirino fuori un po’ di oggettistica non strettamente natalizia, ma, per il resto, la sostanza è quella: presepi in vendita e canti di Natale, 365 giorni l’anno.
    Come potete facilmente immaginare, un negozio che si regge su questi presupposti deve necessariamente avere un bel po’ di varietà di merce. Quando vi dico che vende presepi 365 giorni l’anno, intendo dire che lì dentro avete buone probabilità di trovare qualcosa tipo cinquanta modelli diversi di stella cometa, o cose di questo genere; quindi, sì, mi ha un po’ stupita (ma in realtà, neanche troppo) la bella scenetta che sto per raccontarvi.

    “Lucia! Guarda!”.
    “Uh?”.
    “Guarda questa statuetta!”.
    “Embeh?”.
    “Sei tu!!”. Mia mamma, con entusiasmo, mi sbatte sotto al naso una statuetta del presepe: “guarda questa statuetta qui! È l’ultima rimasta nello scaffale! Ti assomiglia un sacco!”.
    Lancio un’occhiata alla statuetta. “Beh, sì… In effetti, vagamente…”.
    “Mannò”, insiste mia mamma: “ti assomiglia proprio un sacco! Se avessero dovuto ritrarti in una statuetta del presepe, avrebbero disegnato una statuetta così!”.
    La prendo in mano e la contemplo, incerta. In effetti, a volerla vedere, c’è una certa somiglianza: la pelle chiara, lo sguardo stanco; i capelli castani e lisci, all’incirca con lo stesso taglio… “Beh, sì, in effetti mi assomiglia, un pochettino”, ammetto, sorridendo.

    Con questi presupposti, non vi stupirà sapere che la statuetta del presepe è finita dritta dritta a casa mia, e adesso se ne sta buona buona in un angolino di Bethlemme, a guardare un po’ perplessa il trambusto tutt’intorno.
    Mi fa piacere, quando passo davanti al presepio, buttare un occhio alla “mia” statuetta. Mi ci identifico: sembra un po’ me stessa.
    Modesta, stanca, timorata: sguardo basso, capo coperto, è evidentemente uscita di casa per far qualcosa di importante (non sta passeggiando: più che altro, ha uno straccio in mano). Non fa niente di eclatante, non si espone: se proprio non la cerchi apposta, quasi quasi non la vedi. Non è lavandaia un po’ svestita, che lava i panni nel bel mezzo del presepe. Non è la pastorella circondata da un intero gregge, che si fa notare anche solo per quei batuffoli bianchi che le stanno tutt’intorno. Non è una commerciante del mercato, che urla per attirare i clienti, con le due mani ai lati della bocca.
    Lei se ne sta lì. In un cantuccio. Buona buona.
    La noti solamente se la conosci; altrimenti ti sfugge, si mescola nell’ombra. E probabilmente, le va benissimo così!

    E allora vi lascio a un gioco, se avete voglia di provare.
    Chiudete gli occhi, e lavorate di fantasia: voi cosa sareste, fra le statuette del presepe?
    Il dormiente in un cantuccio, che si gusta un pisolino?
    La zingara affascinante, che mette in mostra i suoi gioielli?
    La mamma coi bambini, che porta i figli nella grotta?
    E soprattutto: cosa stareste facendo, voi, nel bel mezzo di Bethlemme?

    Su, sai! Mancano dieci giorni al Natale, e io vi lascio questa sfida: se non avete niente di meglio da fare, da qui all’Epifania… perché non vi inventate una storiella natalizia? Se foste stati a Bethlemme, in quella notte magica e divina… chi sareste stati? Cosa avreste fatto? Come l’avreste trascorsa, quella notte di Natale?

    Beh… io l’ho già inventata, la storia per la mia statuetta: ed è stato divertente!
    Se volete cimentarvi anche voi, anche solo con due righe in un commento, mi strapperete senz’altro un gran sorriso. Insomma: raccontatemi la vostra storia; fra qualche giorno, vi racconto anche la mia.

    Staffetta dell’amicizia!

    Ho freddo, ho fame e pure un po’ sete, ma questo è il posto più caldo della casa, sono appiccicata ad un calorifero . . . ho un sacco di pensieri e non ho per niente voglia di pensarci . . . cazzeggio!

    Raccolgo l’invito implicito e inconsapevole di Mirtillo14 e partecipo a questa:

                 
     

    Lo scopo della staffetta è quello di conoscerci meglio (come se di me vi mancasse qualche notiziola) e le regole da seguire sono:

    a)- creare un post inserendo il logo della staffetta (praticamente, fate copia/incolla del testo in nero e dell’immagine . . .  trovo gentile una presentazione e il lik a chi vi ha suggerito questa “catena”)

    b)- postare le 8 domande indicate qui di seguito: 

    1- quando da piccoli vi veniva chiesto cosa volevate fare da grandi, cosa rispondevate?
    2- quali erano i vostri cartoni animati preferiti?
    3- quali erano i vostri giochi preferiti?
    4- quale e’ stato il vostro piu’ bel compleanno e perche’?
    5- quali sono le cose che volevate assolutamente fare e non avete ancora fatto?
    6- quale e’ stata la vostra prima passione sportiva o non?
    7- quale e’ stato il vostro primo idolo musicale?
    8- quale e’ stata la cosa piu’ bella chiesta ( ed eventualmente ricevuta) a Babbo Natale, Gesu’ Bambino, Santa Lucia?

    c)- rispondere alle stesse sul proprio blog;
     

    1. Non mi ricordo, passato troppo tempo . . . ma mi ricordo che a chi mi chiedeva se volevo fare la suora, rispondevo “Sì, ma se mi fanno fare la Superiora!”, anche prima di aver letto i Promessi Sposi!
    2. Questo è facile: Braccobaldo, Svicolone e l’orso Yoghi , il gatto Felix . . . e a seguire qualcosa di quello arrivato dopo, costretta a guardare con i fratelli , figli e nipoti!
    3. Io giocavo molto in strada e con tanti altri bambini e ragazzi, erano altri tempi . . . il “mondo” (o campana), corse in bici, saltare la corda (ma non da sole, almeno in due, se non di più), nascondino, a “toc” o “prendersi” e tutti i tipi di giochi con la palla che non si usano più: “palla avvelenata” palla prigioniera” “palla contro il muro”.
    4. Il più bel compleanno??? L’ultimo, perchè ci sono arrivata . . . sono talmente tanti che non li ricordo . . . tutti più o meno belli, tutti con la famiglia (quello che conta) unita intorno a me e a una torta . . . mai niente di speciale, vediamo di fare qualcosa l’anno prossimo, così alla prossima catena so cosa scrivere! 
    5. Ah! Ah! Ah! Volevo studiare da Geometra . . . volevo fare il giro dell’Italia, da Trieste a Ventimiglia . . . volevo imparare a suonare il pianoforte . . . volevo mettermi a dieta . . . ma lo faccio, promesso! Da lunedì!
    6. Troppo pigra per avere una passione  . . . mi sarebbe piaciuto guidare una moto da motocross . . . ma forse questa risposta è parte dell’altra domanda! 
    7. Me lo ricordo . . . GianniMorandi . . . e mi emoziono ancora quando ordina: “Fatti mandare dalla mamma, a prendere il latte!”
    8. Una carozzella per la bambola (l’unica che avevo!) e arrivò, con tanto di lenzuolino ricamato (ricamato da mia zia) e copertina ai ferri (fatta da mia mamma), peccato che fu anche l’ultimo regalo da chiedere . . . proprio quell’anno, qualcuno a scuola sparse una maldicenza . . . e io ci credetti . . . si sà, se non ci credi più, Santa Lucia, regali non ne porta!
       

    Adesso, scappo . . . che devo cucinare qualcosa, altrimenti non avrete più mie notizie dal blog, ma direttamente dai giornali, dal Porta a Porta, da “La vita in diretta” e trasmissioni affini!! No, per dire, pure i due cani di casa, più l’ospite romana, si sono accorti che è ora di cena e stanno abbaiando, qui vicino a me! Ciao ciao!

    Ops . . .chi vuole riprendere la catena, libero di fare, non fare (. . . baciare, non baciare . . . lettera e testamento)  . . . stasera do i numeri, sarà il freddo???

    Libri & Concorsi

    Qualche giorno fa ho trovato in Biblioteca il volantino di una concorso fotografico, legato alla lettura.
    È un'iniziativa a carattere nazionale, in palio ci sono buoni acquisto per libri . . . si chiama: "Ottobre, Piovono Libri. I luoghi della lettura". Ho pensato di partecipare, hai visto mai che mi trovo con un bel po' di libri gratis???

     

     

    Stamattina, durante il solito "giro" su Fb, ho scoperto che anche qui regalano libri. In questo caso, una sola copia, ma mi accontento. Se lo vincessi, si andrà ad aggiungere agli altri della neonata libreria del PiccoloLord.

    Per partecipare, vi devo segnalare l'iniziativa e mettere il link . . . il link è direttamente sul banner, clikkateci sopra!


     

    Quiz . . . le risposte! Come e perchè!

    Come ho scritto nel primo post sul quiz "quanto mi conosci"  vi svelo il segreto dei risultati, se tornate a quel post, li trovate, vicino alle faccine, dove erano stati messi, ma in bianco . . . adesso sono evidenziati in lilla!

    In questo nuovo post, vi spiego le mie scelte . . . irrazionali, secondo chi dice di conoscermi (leggi figlie) . . . vi spiegherò anche il come e il perché, narcisisticamente!

    Alla prima domanda: "se scoppiasse un incendio . . ." ,salverei le foto, perchè, so che l'Udmv si sa salvare da solo, così come il Figlio. Non gli ori, perchè . . . li ha nascosti l'Udmv e io non so dove sono, e poi, benchè sciolti, credo che li ritroverei. Non il corredo, perchè, non è che sia chissa che, e poi, ne posso aprofittare per rifarmi tutto nuovo!!!!!
    Le foto, invece, si brucerebbero . . . sarà arduo, perchè sono tante, e sparpagliate per casa . . . forse dovrei decidermi una volta per tutte ad appiccicare le più significative su un album, così, nel caso, prendo l'album e scappo!

    Alla seconda,  "ad una festa passo tutto il tempo…", come hanno pensato tutti, converserei . . . ma questa non ve la spiego . . .è troooppo facile!

    La terza domanda, chiedeva "di cosa ho paura" a questa andava bene qualsiasi delle risposte, ma i topi, sono più facili da incontrare degli squali . . . più reali dela possibilità di restare da sola e, se sbaglio, posso sempre rimediare, la paura c'è, ma so che solo chi non fa non falla! . . .  L'altitudine??? È da capire, a quanto incomincia, io altre il 4° piano non vado! 

    Alla domanda: "Cosa vorrei essere per un giorno senza che nessuno lo sappia? ho risposto: un agente della Cia . . . ma non uno di quelli sul campo, un analista . . . quelli che usano più il cervello che i muscoli! Il mio eroe??? Jack Ryan, il protagonista dei romanzi di Tom Clancy
     

    Nella quarta domanda, veniva chiesto  se e dove, "mi farei un tatuaggio" , come ha indovinato Mpax, non sono del tutto contraria a farmi fare un tattuaggio, ma ne farei uno piccolo, poco arzigogolato, sulla nuca . . . perchè, ho letto su un libro giapponese (forse "Memorie di una Gheisa") che la nuca è un punto che attira gli sguardi! Sulla nuca, c'è, non c'è . . .

    Per la quinta e la sesta, tute le possibilità, mi piacciono, dovendone scegliere una, tra le varie opzioni come regalo, vorrei un viaggio . . . ma sappiate, un viaggio di quelli che parti senza navigatore, senza prenotazione, con roulotte o camper, per fermarsi dove vogliamo, quanto vogliamo . . . e tornare quando siamo prorpio stanchi . . . anche solo in Italia, anche solo in Europa, credo che di cose da vedere ne avrei molte (l'unico problema è l'autista, all'Udmv, piace di più andare in aereo, verso mete più lontane!).

    Per i personaggi, a parte il mio primo amore (che è da stabilire qual'è . . . si comincia con il "Principe", che recitava con me nella Bella Addormentata a 6 anni . . . io ero la Bella Addormentata, naturalmete!), sarei felice di conoscerli tutti, ma, anche qui, dovevo fare una scelta . . . e non mi interessava molto conversare con degli attori (se pur affascinanti), invece, al fondatore degli scout, un paio di domande le avrei fatte volentieri! Comunque, se incontrate uno dei tre attori, passategli il mio indirizzo, un gelato insieme ce lo prenderei volentieri!

    Alla domanda, "cosa vorresti essere per un giorno senza che nessuno lo sappia?", ho risposto "un agente della CIA", ma non uno di quelli sul campo, tipo 007 . . . un analista, quelli che usano più il cervello che i muscoli . . . il mio eroe? Jack Ryan . . . dalla penna di Tom Clancy 

    Descrivermi come "Eccentrica" . . . penso che sia il minimo. . . sono piena di contraddizioni, da sempre cerco di pensare col mio cervello . . . di non adeguarmi al gregge! Meglio essere considerata "eccentrica" che matta dai posteri!

    E questo è quanto! Salutoni a tutti i miei 23 lettori!

    Quiz, "filosofie" & pazzie!

    Secondo voi, io come risponderei a queste domande??? Attenzione, le immagini non sono collegate alle risposte!

    Se la mia casa si incendiasse, cosa cercherei di salvare prima di tutto dalle fiamme?

    1. il corredo
    2. i libri
    3. le foto
    4. gli ori
    5. mio marito

     oʇoɟ ǝl

    Quando vado ad una festa passo tutto il tempo…

     

    1. Contando i secondi per andarmene
    2. Conversando
    3. Criticando altri
    4. Divertita
    5. Drogandomi

      opuɐsɹǝʌuoɔ 

    Di cosa ho paura?

    1. di sbagliarmi
    2. della solitudine
    3. degli squali
    4. dell'altitudine
    5. dei topi

     ıdoʇ ıǝp 

    In che parte del corpo mi farei un tatuaggio?

    1. Spalla
    2. Nuca
    3. Polso
    4. Non mi farei nessun tatuaggio
    5. Petto

    ɐɔnu ɐllns

    Cosa vorrei che mi regalassero per il mio compleanno?

    1. Un'uscita inattesa
    2. Un viaggio
    3. Un libro
    4. Un mazzo di fiori
    5. Un vestito elegante

     oıƃƃɐıʌ un

    Chi vorrei incontrare, per caso, un giorno qualsiasi per strada?

    1. Viggo (Peter) Mortensen
    2. Robert Baden-Powell
    3. Il mio primo amore
    4. Sean Connery
    5. Pierce (Brendan) Brosnan
       

    llǝʍod-uǝpɐq ʇɹǝqoɹ

    Cosa vorrei essere per un giorno senza che nessuno lo sappia?

    1. Veggente
    2. Aborigeno
    3. Agente della CIA
    4. Buttafuori
    5. Attore/Attrice porno

    ɐıɔ ɐllǝp ǝʇuǝƃɐ

    Se dovessi descrivermi con una sola parola, questa sarebbe…

    1. Creativa
    2. Eccentrica
    3. Simpatica
    4. Organizzata
    5. Presuntuosa

     ɐɔıɹʇuǝɔɔǝ

    Ho copiato questo quiz, da Facebook . . . l'ho creato io, cioè, loro ti suggeriscono sia la domanda sia le possibili risposte tra cui scegliere e tra le quali devi indicare quella giusta . . . qui le risposte giuste ci sono, basta che le cerchiate (verbo cercare, non cerchiare )

    Ho notate che non sono molte le persone che hanno azzeccato più di un paio di risposte, anche fra quelli che mi conoscono personalmente e da anni . . . nessuno tra quelli che hanno  partecipato al gioco, ha indovinato la risposta sul tatuaggio.

    Questo mi fa pensare che ha ragione quel libro (non ricordo quale e cito a braccio ) dove si dice che ognuno di noi ha più facce, di cui una è visibile solo a noi stessi.
    Mi fa pensare che abbiamo i nostri desideri, pensieri e sogni, e pensiamo che gli altri li capiscano, che colgano le allusioni gli indizi e invece, niente, veniamo valutati in base ai soliti stereotipi, come se fossimo stati creati così: qui e adesso. Senza una vita precedente, senza delle aspirazioni che sono state messe nel cassetto . . . anche senza tanti rimpianti, ma sono lì, messe da parte.
    E penso alla FigliaGrande che quando mi vede "giocare" col PiccoloLord ridacchia, scuote la testa e chiama sua sorella per raccontarle cosa faccio, stupita e un po' sconcertata da questo aspetto nuovo della mamma . . . non ricordandosi (è ovvio) che queste cose le facevo con lei, con loro e a volte, persino con i loro cugini, da piccoli, quando mi venivano affidati per un pomeriggio o per il fine settimana.

    Ecco, vi ho reso partecipi alle mie elucubrazioni, se le avete capite, altrimenti, non preoccupatevi, non sono importanti, il mondo va avanti lo stesso! Non sono molto pratica di pensieri, mai frequentato il liceo, mai studiato filosofia, solo numeri! Tanti numeri, ma a volte, penso anch'io!

    Ricomincio da 10 . . . cose che mi fanno felice

    Intanto guardata qui,  le prime 10 "cose che mi fanno felice" . . .

    Come da segnalazione di Merins e NihilAlieno devo indicare 10 cose che mi rendono felice, ci ho pensato su, e ho trovato altre 10 cose, anche se . . . di cose che mi rendono felice ce ne sono tante, una tra queste è:
     

    Passeggiare con l'Udmv sul lungomare, in una bella giornata di sole . . . viste le previsioni mi spiccio e vado a prepararmi . . . anche perchè lui, si spazientisce e poi, incomincia a dedicarsi all'orto e non a me.

    Poi,  eccovi le altre:

    Immergermi in un libro al punto che quando mi chiamano provo un attimo di disorientamento! (ed è successo!)
     
    Vedere mio padre invecchiare con la sua “compagna” e sentirlo dire: “Vado a trovare tua madre!”,
    mentre va al cimitero 

    Una lettera che non aspettavo . . . cioè, non le solite bollette da pagare, ma una lettera come usava una volta da un mittente familiare! 

    Una notte in montagna, tutto pieno di neve e, in un cielo limpido, una bella luna piena (quel senso di “sospensione in  quella magnifica luce blu)! (be', ultimamente non capita spesso, ma se ci penso . . . )

    Vedere il PiccoloLord che dorme . . . che fa i gorgheggi  . . . che si toglie le calze . . . che mi “chiama” . . . insomma, guardare il PiccoloLord crescere . . . (e questo credo che conti per uno solo anche se sono tante cose)

    Quella volta che entri in Chiesa con l’animo pesante e, stranamente senti le parole che te lo rendono di nuovo leggero! (E non parlo di  Confessione, ma del Vangelo)!
     
    Guardare le foto che la FigliaPiccola ha messo su Fb e notare quanto tempo è passato e come loro (i tre mostri) sono ancora loro (sempre tre mostri della sua mamma)
     
    Quando, parlando, chattando, leggendo un blog o un giornale, ascoltando la tele, scopro che certe “idee” non sono solo mie, ma condivise . . . (perché certe volte, mi pare di vivere in un mondo di matti, o di essere matta io!)

     Avere a casa tutti e tre i figli e sentirli discutere come un tempo su cosa guardare in Tv, su chi ha la porzione più grossa di primo . . . essere tutti e tre uniti contro la mamma, essere tutti e tre solidali col papà! Insomma. La normalità della nostra famiglia!

    Adesso, chi vuole continuare, me lo segnali, che verrò a leggere!
    Chi vuole lasciare commenti, commenti pure, che verrò a leggere!
    Chi non gliene importa un tubo . . . pazienza, tralasci di leggere! Io campo lo stesso!
     

    Ricomincio da 4 – Notizie inedite

    Questa è una "catena" che ho "raccolto" da LaTendaRossa, sono da scrivere 4 notizie inedite, anche se io ormai dubito di avere notizie inedite, esseno una gran chiacchierona . . . e dubito persino che a qualcuno possa interessare più di tanto quello che scriverò, ve le metto qui, poi, voi decidete se commentare o meno! . . . Insomma, "narcisimo" assoluto, me la suono, me la canto e mi applaudo pure!

    La prima notizia è di attualità . . . In questo periodo sono sottoposta ad una crudele persecuzione da parte dell'Udmv e dai figli . . . se sbaglio un numero i telefono, sono sulla strada per l'Alzheimer! Se dimentico acceso il gas, sono sulla strada della demenza senile! Se, camminando nell'orto, che notoriamente non è liscio, inciampo, sono quasi invalida, da sorreggere . . .  Inoltre, ultimamente, colpa di giornali e Tv, le domande che aleggiano per casa sono: "Hai chiesto al Dottore, qualche cosa per la menopausa???", "Ti senti un po' depressa???", "Hai letto quell'articolo che parla della menopausa???", "Sai, il primo passo verso la guarigione è ammettere di essere depressi???", "La mamma del mio amico, con la menopausa sbarella . . . tu come ti senti???" Il problema è che sono riusciti a coinvolgere anche il resto della famiglia: mio padre, l'Angela, fratelli e cognate (e forse, persino i nipoti)
    Ebbene, io non mi sento depressa, non sono in menopausa e voi, cari famigliari, fatevi gli affari vostri!

    La seconda notizia è un ricordo . . . Nei primi 13 mesi dalla patente, ho forato ben 15 volte le gomme . . . certo le strade non erano quelle di adesso . . . la fortuna è stata che tutte le volte ho trovato qualcuno che me l'ha cambiate, per cui, alla mia veneranda età, non saprei cambiare una gomma, per fortuna ci sono i telefonini e i mariti! No per niente io ho sposato l'Udmv, uno che di auto se ne intende!

    La terza notizia è un sogno e un progetto . . . Vorrei riuscire ad arrivare in Norvegia e visitarla, facendo tappe mirate in posti interessanti, senza prendere l'aereo (sono fifona, lo ammetto). Ho già visto più o meno l'itinerario . . .

    e se l'Udmv non vuol andare con l'auto . . . parto col nipote F e giriamo l'Europa con lo zaino in spalla e con i treni, appena capisco come funziona l'Inter Rail. Sono andata in un paio di agenzie viaggi, ma non mi hanno saputo dare informazioni, mi hanno dirottata alla Stazione . . . in Stazione un signore, simpatico e pacioso mi ha spiegato che per lui è già difficile dare gli orari delle Ferrovie italiane, figurarsi di quelle straniere e mi ha consigliato un sito web delle ferrovie tedesche . . . che però, non mi da le risposte che voglio (o forse son io che non imposto le domande corrette?)! Vi farò sapere come finisce!

    La quarta notizia è cosa nota: Mi piace molto stare con i bambini e i ragazzi. Perchè, i bambini  con il loro stupore mi fanno riscoprire ogni volta il mondo con occhi nuovi, perchè le cose che noi adulti ormai diamo per scontate e spesso consideriamo di poco conto, i bambini te le fanno apprezzare per quello che sono, dei piccoli miracoli! Con i ragazzi, perchè sono ancora pieni di entusiasmo, anche quando vogliono fare gli annoiati. Perchè se li sai ascoltare davvero, ti dicono i loro sogni e le loro speranze ed è sempre una scoperta vedere la luce dei loro occhi mentre te ne parlano, anche se non sempre la loro visione del futuro concorda con quello che pensano per loro i genitori e a volte, le idee sono davvero strampalate, ma i giovani hanno diritto a sognare.

    La mia vita, secondo Celentano

    Copiato da una "nota" su Facebook, di Laura . . . amica della FigliaPiccola che mi sta aspettando in Norvegia . . . se continua questo tempo, mi aspetterà ancora un bel pezzo! Brrrr!!!!!



    Usando solo nomi di canzoni di un solo artista o di un gruppo, rispondi intelligentemente a queste domande. Passalo a 25 persone che ti piacciono ed includi me (presupponendo che io sia qualcuno che ti piace). Non puoi usare la band che ho usato io. Cerca di non ripetere il titolo di una canzone. È molto più difficile di quanto tu possa pensare! Titola: come "la mia vita secondo (nome del artista)".
     
    Scegli il tuo artista
    Celentano
     
    Sei un uomo o una donna?
    La moglie, l'amante, l'amica

    Descriviti:
    Bellissima
     
    Come ti senti?
    Chi ce l'ha con me?
     
    Descrivi dove vivi al momento:
    Un albero di trenta piani  
     
    Se potessi andare ovunque, dove andresti?
    A New Orleans
     
    Il tuo mezzo di trasporto preferito:
    La barca
     
    Il tuo migliore amico?
    Serafino
     
    Tu ed il/la tuo/a migliore amico/a siete:
    La coppia più bella del mondo
     
    Com'è il tempo?
    Un sole caldo caldo caldo
     
    Momento preferito della giornata:
    Le notti lunghe
     
    Se la tua vita fosse uno show televisivo, come si chiamerebbe?
    Ciao ragazzi
     
    Che cos'è la vita per te?
    Una storia come questa
     
    La tua relazione:
    Amami e baciami
     
    Hai paura di?
    Veleno
     
    Qual è il miglior consiglio che tu possa dare?
    Non essere timida
     
    Pensiero della giornata:
    Si è spento il sole
     
    Il mio motto:
    Pregherò

    Quanti libri???

    Trovo questo post simpatico, sul blog dell’amica Angela Siciliano, lo giro a tutti voi.

    Avete sbagliato, avete peccato di cialtroneria. . . E allora il Consiglio Mondiale della    Ragionevolezza vi ha condannato/a a tre anni di isolamento in un’isola dell’Arcipelago.
    Si parte fra poche ore.

    La striscia nera che vedrete in lontananza è un’altra isola dell’arcipelago e probabilmente ospita un’altra persona nella vostra stessa situazione. Ma non sapete chi, e lo saprete solo se all’isola ci arriverete di vostra iniziativa, a vostro rischio. Non è neanche sicuro che quando arriverete sull’isola ci sarà un altro condannato o condannata! Non ci sono barche e telefoni per comunicare con le altre isole (ne vedrai solo una dalla tua riva, ma intorno ce ne sono sette, otto con la tua)
    Niente cellulare niente computer, quindi anche la comunicazione con il resto del mondo sarà azzerata (a parte la telepatia…)
    .
    C’è l’acqua, da una sorgente, per bere e per lavarvi, ci sono gli alberi per l’ombra, e dei rifugi naturali per ripararvi dalla pioggia, per riposarvi, per nascondervi. Per mangiare ci sono i frutti degli alberi, qualche pianta commestibile ma esotica (la dovete individuare voi, sperimentando).
    Altro non sapete, altro non avete. A parte il fatto che ci sarà poca pioggia e molto sole, che starete sola/o in quei tre anni, come in una specie di clausura all’aperto, forse ci saranno alcuni animali non feroci, ma è solo forse (volatili, quadrupedi?). Pesci in abbondanza nel mare.
    .
    Vi danno la possibilità di riempire uno zaino da viaggio che non dovrà superare i 15 chili di peso, del resto dovrete trasportarlo voi stessi/e da casa vostra alla stazione, da un treno all’altro, dal treno all’autobus, fino alla nave che vi porterà, navigando per tre giorni, all’isola disabitata.
    Credetemi non ci sono telecamere nascoste, non vi daranno premi alla fine dei tre anni e se state male sono proprio affari vostri.
    Ricordatevi dunque di mettere nello zaino tutto ciò di utile che vi viene in mente, di necessario, di pratico: dei semi per potervi fare un orto, piccoli e leggeri attrezzi per facilitarvi eventuali lavori manuali (forbicine? cacciavite? coltello, ago, spago? una bottiglia di plastica, dei fiammiferi?) indumenti caldi per i periodi freddi…tutto, tutto ciò che – grammo dopo grammo – faranno i 15 chili, e di cui non dovrete pentirvi di aver preso con voi.
    In compenso preparatevi a dovervi pentire di non aver preso questo e quello ma avete dovuto scegliere e scegliendo si perde sempre la parte non scelta!

    Qualcuno di voi deciderà di non poter fare a meno di qualche libro: tre anni sono lunghi e possono diventare anche noiosi senza una pagina da leggere. Ma saranno pochi i libri che avrete con voi, perché se riempirete il vostro zaino con i libri…probabilmente morirete presto di fame e di ogni altro pericolo.

    Devono essere libri nuovi, mai letti? Uhm…c’è il rischio che poi non vi piacciano… e che ci fareste con un libro non interessante? Ve lo girereste tra le mani, odiandolo sempre di più…( potreste usarlo come cuscino, certo….).
    Devono essere libri che vi sono piaciuti tanto che sicuramente vi farà piacere rileggere? Sembra più ragionevole questa scelta. Libri che però a rileggerli non vi devono annoiare ma darvi sempre qualcosa di nuovo.
    Devono essere due, tre, cinque, dieci? Dipende dal loro peso e dai vostri bisogni. Fate voi. Ogni libro in più equivarrà ad un indumento, un attrezzo, una possibilità di sopravvivenza in meno… Ma anche la vostra anima, il vostro spirito deve sopravvivere, non solo il corpo!

    (Se poi riusciste a costruire una zattera – con la quale raggiungere l’isola di fronte, e magari sareste fortunati/e da trovarci un’altra persona che a sua volta avrebbe con se dei libri – consigli, attrezzi, cibo – da scambiare…Ah!).
    E allora, arrivando al dunque:

    QUALI LIBRI PORTERESTI CON TE? E PERCHÉ?
    .

    D-Day (il giorno in cui tutti quelli che passano, te lo fanno sapere!)

    Oggi, a fronte di 58 "visite" di cui, lo confesso, 5 sono mie, dalle 14,52 alle 20,38 ho avuto 4 commenti ai vari post.

    Non pensate che io sia così fissata che appena apro il blog, vado a vedere il contatore. È vero, c’è stato un periodo in cui avevo, in fondo al blog, gli accessi e persino le parole chiave che avevano portato al mio blog, era una curiosità e un divertimento insieme, poi quando mi sono accorta che stavo a fare il conto (come oggi) di di chi e perchè era passato di qua e quanti di questi avevano commentato, l’ho tolto e non ho neanche più guardato il contatore, visto che conta anche le mie "visite" e se ricarico la pagina.

    Poi, nelle vacanze di Natale, causa una battuta sarcastica, per dare una risposta che tappasse la bocca alla persona che l’ha fatta, ho tenuto d’occhio il contatore una volta al giorno, segnando pedantemente le mie visite. Scoprendo che ogni giorno c’erano circa 100 contatti! Una certa soddisfazione a vedere lo stupore dei famigliari, che per qualche giorno non hanno più parlato male di me e del mio blog!

    Ho pensato a un post che una volta avevo visto da Julia, e che ha portato a scoperte nteressanti . . . qualche giorno fa, l’ho visto da Marcello e anche lì, ci sono state delle belle sorprese. Oggi lo voglio fare anch’io . . .

    In pratica non so quand’è di preciso, ma si chiama " Delurking Day".

    Cioè, per chi non lo sapesse, il giorno in cui si invitano quelli  che frequentano i blog senza mai lasciare traccia del loro passaggio, (il lurker, appunto) manco un saluto o un colpo di tosse, cose così per intenderci, a dare un cenno della propria esistenza, uscendo almeno per una volta dall’invisibilità.

    Perciò, bando alle timidezze, non nascondetevi oltre, commentate (sempre in modo educato) anche solo con un saluto e poi, ripiombate tranquilli nell’anonimato! Io non ho né tempo né interesse e tantomeno le capacità di venirvi a cercare. Però vi ringrazio fin d’ora dei vostri passaggi sia quando commentate che quando leggete e basta!

    Adesso, ore 22,58 c’è scritto 78516, io chiudo e vado a letto, domani sera, mettiamo il nuovo numero e poi, facciamo i conti!

    AGGIORNAMENTO del giorno dopo!           
    Come promesso, vi ragguaglio sui numeri, ad ora, che sono le 21,05 il contatore dice: 78660 la differenza tra ieri e oggi è di 144 visitatori . . . mettiamo che oggi ho lavorato (sto facendo un salvataggio) su alcune pagine, e umanamente ho controllato più spesso il blog, per cui facciamo, 20 volte sono le mie e 9 sono i commenti! Facendo le sottrazioni, a me rimangono 115 visitatori senza nome! Pazienza, non ci perderò il sonno!
    Però, che dite,
    continuo questo D- Day fino a fine settimana???

    Previsioni del Tempo

    Previsioni del "Tempo"

     . . . Ma no . . . non le previsioni meteorologiche  per quelle ci sono i vari "Bernacca" dei canali televisivi e dei giornali, a quelle ci pensa l’Udmv, con i suoi siti web dedicati, la mania di vederli quasi tutti in TV, su quasi tutti i canali (pure quelle europee!)

    Le previsioni del Tempo che vi propongo oggi, riguardano il tempo che manca ancora alla data, prevista da voi, per la nascita del "PiccoloLord" . . . tenendo presente che in base a certe date, a certe informazioni, la Ginecologa, presume che il parto avverrà il 10 ottobre, ma che una sito on line, nel settore dedicato a queste amenità spiega :
    "La data presunta del parto è un valore medio e corrisponde alla 40^ settimana. Se tutto procede regolarmente il parto avverrà nei 15 giorni prima o nei 15 giorni dopo la data indicata"

    Cosa vincerà chi indovina??? Mah!!!

    Il piacere di tenere il fantolino in braccio, in un giorno di pianti disperati???
    Assistere ai  primi tentativi di imboccare il bebè, al momento dello svezzamento???

    L’indubbio piacere di un paio di cambi di pannolino??? 
     
    Un soggiorno per due sulla Luna, per non sentirlo piangere di notte???
    Una settimana di lettura della "fiaba della buonanotte"???

    A vostra scelta!

    Post a rate . . . per un premio gradito!

    Ricevo da Delphine questo premio e siccome ho poco tempo, incomincio a fare copia/incolla . . . durante la mattina, mi organizzo il resto!

    Incomincio, ricordando le regole del premio Honest Scrap.

    Condizioni di questo premio sono: raccontate ai vostri lettori 10 cose che si sappiano o meno di voi ma che sono vere. Indicate 10 persone che hanno diritto al premio e siate sicuri di far loro sapere che sono stati contrassegnati (un breve commento sul loro blog andrà bene). Non dimenticate di collegarvi di nuovo al blogger che vi ha premiato.

    …………………………. C O N T I N U A  …………………promesso !
    2° rata, del giorno dopo …………………………………………………………….

    Ecco, tutte insieme, dopo una lunga e ponderata meditazione, le 10 cose su di me, tutte per voi:

    1. Sono curiosa come una scimmia, vorrei sapere sempre cosa c’è “dietro”, dietro a certe scelte, certi ragionamenti, certi comportamenti umani . . . ma anche come funzionano le cose, come ragiona il PC: insomma, curiosa a 360°!
    2. Mi piace stare in compagnia, possibilmente una buona compagnia . . . ma, secondo le figlie, ho degli standard troppo alti! Per cui, ho affinato, negli anni, l’arte della diplomazia . . . sorridere anche se vorrei essere altrove!
    3. Sto diventando ipocondriaca . . . Le mie paure, nascono dall’aver conosciuto persone gravemente malate. Penso che tante volte sia meglio essere ignoranti, (proprio ignorare l’esistenza di certe malattie) si vivrebbe meglio!
    4. Per la famiglia (e non parlo solo come mamma, ma come moglie, sorella, figlia, zia . . . nonna) mi butterei nel fuoco (ma non nell’acqua, perché non so nuotare)!
    5. Sono un tipo che è difficile offendere, tendo a giustificare anche i comportamenti più idioti . . . almeno le prime tre volte, poi, se la persona è proprio sgradevole, la ignoro.
    6. Mi arrabbio facilmente, se penso che mi stiano prendendo in giro, mentendo o che mi fraintendano, ma mi passa abbastanza in fretta e non porto rancore!
    7. Sempre pronta a chiedere scusa, se il mio atteggiamento è stato sbagliato o esagerato . . . una volta, mi ricordo, chiesi scusa alla mia vicina, che rimase più scioccata di questo che non del battibecco precedente!
    8. Ho la presunzione di capire al volo le persone. Anche se poi, a causa del punto 5, cerco di farmi andar bene anche le persone che a pelle, mi irritano . . .nel tempo, scopro che avevo ragione io!
    9. Sono idealista, ingenua e credo che in fondo nessuno è cattivo, per cui, negli anni ho preso “botte tremende sui denti”, ma questo non ha mai sopito la mia vena filantropica.
    10. Non sono capace di dir bugie, se ne accorgono persino i nipoti più piccoli . . .

    Uff . . . ecco fatto . . . pare facile, ma non è così: 10, sono tante e poche nello stesso tempo! Adesso, mi aspetta un’altra sfacchinata: trovare i 10 blogger da incatenare! Eh! Eh! Eh!

    Allora, io passo la mano  a:  

    ZiaCris, anche se l’ha già ricevuto! 
    Ambricourt, uno dei due, a scelta, tutti e due arguti e simpatici!
    Zamparzigogola,  che è una persona interessante!
    Factum, perchè vorrei saperne di più!
    NihilAlieno, sicura che anche su di lei, non si finisce mai di sapere!
    SuperFly, un "ragazzo" con gli occhi che ridono, ci stupirà!
    Ortensia, perchè ha riaperto da poco il blog!
    LaTendaRossa, visto che in questi giorni è assente, gli preparo una sorpresa!
    PensieriInPoesia, l’ho introdotta io in questo mondo dei blog!
    Giorgetto, è partendo da lui che ho mosso i primi passi nei blog!   

    Logicamente se qualcuno dei "prescelti" non risponde al mio appello, non gli terrrò il muso! 😉
    È un gioco e come tale va preso! Con un sorriso:-)
    E a quelli che avrebbero continuato, ma non ho nominato . . . fate pure! Avvisatemi, che passo a leggervi! Purtroppo: 10 blog-amici, sono tanti, ma anche pochi!:-)))

    Da Facebook, per conoscermi meglio!

    Sono stata "taggata" su Facebook, essendo fondamentalmente una cyber-imbranata, malgrado corsi e ri-corsi di informatica (perchè lì, ti preparano su Excel e non su Facebook?) me lo sono copiato qui e qui lo faccio!
     
    Ecco le regole:

    – Scrivi questa lista in una delle tue note cambiando le mie risposte con le tue e pubblicala.
    – Tagga 25 persone per fare lo stesso. (io "taggo" tutti quelli che passano di qua, spero arrivino a 25)
    – Se ti ho taggato, è perchè voglio sapere di più di te!


    1. Sei stato chiamato così perché qualcun altro si chiamava con questo nome?
    Sì, mio nonno e la bisnonna! Il mio, è un nome composto!

    2. Quando è stata l’ultima volta che hai pianto?
    Non ricordo! In questo periodo è facile che pianga, spesso di commozione!

    3. Ti piace la tua calligrafia?
    Non molto, sto cercando di fare esercizi di "bella scritura", ma ho perso il quadernone dove copiavo poesie, appena lo trovo ricomincio!

    4. Qual è il tuo pasto preferito a base di carne?
    In inverno, BRASATO, in estate CARPACCIO.

    5. Hai figli?
    Sì, tre: femmina, maschio, femmina.

    6. Se tu fossi un’altra persona, saresti amica di te stesso?
    Non molto, a volte so essere insopportabile.

    7. Sei una persona ironica?
    Molto!

    8. Hai ancora le tue tonsille?

    No, tolte da piccola.

    9. Faresti Bungee Jumping?

    Fossi matta!

    10. Qual è il tuo cereale preferito?

    Grano.

    11. Ti sleghi le scarpe prima di togliertele?
    Mai!

    13. Il tuo gelato preferito?
    Stracciatella, con pezzi belli grossi di cioccolato!

    14. Cosa noti come prima cosa nelle altre persone?
    Il  sorriso.

     
    15. Rosso o rosa?
    Rosso.

    16. Cos’è che ti piace meno di te?
    Spirito critico!

    17. Cosa ti manca di più?
    Molte cose, tra cui i nonni.

    18. Vorresti che tutti completassero questa lista?

    Lascio tutti liberi.
     
    19.  Di che colore hai i pantaloni e le scarpe in questo momento?
    Pantaloni lillà, scarpe, color cuoio chiaro.

    20. Che musica stai ascoltando?

    Uccellini che cinguettano!
    22. Se fossi un colore?
    L’arancione, chiaro!

    23. Profumi preferiti?

    Jardin de Bagatelle

    24. Qual è stata l’ultima persona con cui hai parlato al telefono?
    La figlia piccola.

    25. Ti piace la persona che ti ha spedito questa cosa?
    Per lo più, lo trovo simpatico.

    26. Sport preferito da vedere?
    Gare di dressage

    http://www.olympics.org.uk/beijing2008/SportAbout.aspx?gt=s&sp=EQD

    27. Colore dei capelli?
    Neri, con striature di bianco! 😉

    28. Colore degli occhi?
    Verdi cangianti!

    29. Indossi lenti a contatto?

    Per niente. Ho gli occhiali e mi bastano!

    30. Cibi preferiti?
    Dolci, salti, conditi, ben cotti, tutti! Tranne Trippa e lumache, di mare e di terra!

    31. Film Horror o a lieto fine?
    Per forza, con lieto fine.

    32. Ultimo film visto?
    Al cinema? In TV? Prego esser più precisi!

    33. Colore della maglia che indossi?

    Fantasia a fiori, sul grigio e rosa.

    34. Estate o inverno?
    Per me, estate.

    35. Abbracci o baci?
    Perchè, è obbligatorio? Baci al volo?

    37. Chi risponderà più probabilmente?
    Chi vuole divertirsi.

    38. Chi risponderà meno probabilmente?

    Chi tiene molto alla sua privacy!

    39. Che libro stai leggendo?
    "Parla con Alex", dove Alex sta per un pappagallo molto inteligente.

    40. Cosa c’è sul tuo tappetino del mouse?
    Non ho tappetino del mouse.

    41.Cosa hai visto in TV ieri sera?
    Per un po’, un film.

    42. I tuoi suoni preferiti?
    Quelli di una casa abitata.

    43. ROLLING STONES O BEATLES?
    Per me pari sono, non li capisco!

    44. Qual è il posto più lontano da casa che hai visitato?
    Marsiglia.

    45. Hai un talento speciale?
    Non chiedetelo a me, io, mi vedo come Mary Poppins, "praticamente perfetta"! 😉

    46 Dove sei nato?
    Bergamo.

    Foto Parco Regionale dei Colli di Bergamo

    Parco Regionale dei Colli di Bergamo
    Bergamo alta, vista dalle valli, verso la pianura!  O da ovest verso est?
    Galeggia sulla nebbia, che fascino
    !

    47. Chi speri assolutamente che risponda?
    Chi lo farà, per simpatia, con ironia e gioia.

    Adesso, fate voi! Se volete, se non volete, liberi di scegliere! 😉