Archivi

Ritmo . . . o del l’ossessione dei giorni che passano

Consigli semiseri per scrivere divertendosi
e senza stress sul vostro blog!
 

 

Questa è la terza puntata di questa "scuola semiseria per blogger", regole che qualche Blogger più esperto di me ha elargito per chi il blogger lo fa "per lavoro" e che io ho cercato di adattare a uso e consumo del mio blog (e se qualcuno ci vuole trovare ispirazione a sua volta, ben venga . . . ) che di lavoro non è, ma, piuttosto di relax estremo.

 


 

Ecco perchè oggi tocco un argomento che, per me, è diventato spinoso! Il "ritmo" con cui pubblico i post. . . mi consola leggere da Ikaro che, "Non è vero che un blog deve essere aggiornato una volta al giorno"
Un blog non deve essere aggiornato per forza ogni giorno.  Certo, sarebbe ideale. Magari potremmo riuscire a farlo . . . ma scrivere un post al giorno o 3 alla settimana non fa molta differenza per i lettori affezionati o di passaggio. La smania di far sembrare il nostro sito migliore degli altri non si soddisfa con la frequenza di aggiornamento ma con la qualità delle informazioni

Mi piacerebbe tenere un diario giornaliero, ma le giornate, paradossalmente, sono più piene adesso che non lavoro che quando lavoravo . . . quando lavoravo capitavano quei quarti d'ora di "dolce far niente", in un negozio, se non hai i clienti, le cose che puoi fare, sono decisamente ristrette . . . qualche anno fa, tra l'altro, avevo anche qualche anno in meno, ero più "pimpante", mentre adesso, sono più "rilassata "in tutto.
Poi, c'è la faccenda che non tutto quello che mi capita in un giorno merita di salire all'onore della cronaca bloggheresca (cosa di cui dovrebbero tener conto anche alcuni blog che, sì vengono aggiornati quotidianamente, ma in cui si sente che, girala e rigirala è sempre quella minestra riscaldata che ha perso la verve originale.

 


Per cui, abbiate pazienza con me, se ogni tanto riesco a postare ogni giorno e ogni tanto sembra che sia scomparsa . . . non scompaio del tutto, promesso, ma ho un sacco di altre cose che mi impicciano e mi distraggono dal blog.

E pensare che avrei tante cose da raccontarvi, ma dovrei potervele raccontare in un orecchio . . .
Ho molti argomenti di cui vorrei farvi partecipi (seri e meno seri) sulla mia lista sono arrivata a 38 . . .
Ho molti blog interessanti da consigliarvi, se ancora non li conoscete . . .
Ho anche quel nipotino con cui giocare, qualche "lavoretto" ai ferri e all'uncinetto e i miei libri che si accumulano sul comodino . . .
 

 


Ho anche il mio "regno" casalingo da riordinare e pulire e due pasti al giorno da preparare (non  immaginatemi come Cenerentola . . . ma se anche oggi lascio perdere, domani potrei essere finita sui giornali! Quei due (Figlio e l'Udmv minacciano una strage  . . . minacciano di fare un falò con libri, giornali, Pc nonché lana e cotone e me su sopra come Giovanna d'Arco!)

 


 


  

Duplicati . . . o degli argomenti simili

Consigli semiseri per scrivere divertendosi
e senza stress sul vostro blog!
 

 

Ecco qua, di nuovo l'appuntamento con quelle che, rivisitate ad uso e consumo del mio blogghettino, sono alcune delle “regole” che ho trovato in giro per il web    diocno gli espe               
 

 

  Un altro problema nasce dal desiderio di voler parlare di argomenti originali, non trattati in altri blog. E la cosa, tra libri, giornali e il mondo del web, non è così semplice . . . se fate un giretto per il web cercando notizie su qualsiasi  argomento, usciranno migliaia e migliaia di pagine! C'è persino chi ci insegna a essere una casalinga ideale . . . in un mondo che va di corsa, è divertente fermarsi qualche volta a leggere consigli "per ottimizzare" il tempo delle pulizie . . . e vi danno pure il "diploma"!
Scrivere post su un argomento di cui è già stato scritto molto non vuol dire creare un contenuto duplicato. Per quanto simile, di qualsiasi cosa si stia parlando, incide molto  la propria esperienza. Il nostro post conterrà un particolare, una piccolo suggerimento non presente nel post di altre persone.
 

 Duplicati . . . o degli argomenti simili: perchè 100 persone diverse pensano in 100 modi diversi  
 

 

 

perché 100 persone diverse pensano in 100 modi diversi perperché 100 persone diverse pensano in 100 modi diversi  perchpp——————–
 Personalmente cerco di essere quanto più “originale” possibile però è logico che nel mio cervello si sono sedimentate, negli anni, tante letture, informazioni e immagini. Poi, prima di parlare di qualcosa che non siano le “cronache semiserie”, mi documento e uso, in parte, le notizie che trovo. 

Nel dicembre 2008, leggendo i blog di Pupanna e di Cautelosa, decisi di dare anch'io il mio contributo di ricordi sulle tradizioni riguardanti le feste invernali dedicate ai regali per i bambini:
 

venerdì, 12 dicembre 2008

Santa Lucia tradizioni e ricordi

Ho iniziato leggendo Pupanna, con la tradizione dei Morti (in Sicilia), ho finito con il post di Cautelosa su Santa Lucia,  eccomi a scrivere qui qualcosa riguardo alle tradizioni di casa mia! Ormai è risaputo che vengo da Bergamo, a Bergamo arriva Santa Lucia, (non proprio in tutta la provincia, ci sono alcuni paesi, dove i regali li portano i Morti!).

Quando eravamo piccoli, qualche settimana prima una domenica, si andava in cerca del fieno per l'asinello, di solito da qualche amico o parente dei genitori che ancora lavorava nei campi e/o aveva a che fare con animali come i conigli o le mucche!
(Cliccando sul titolo, potete leggerlo tutto)ando sul titolo, potete leggervelo tutto!CCC           

Chiudo qui, sperando che ci siano altre occasioni per fare un post sullo stesso argomento in più blog, quella volta è stato molto interessante.

Eccovi qua, come promemoria il link alla prima puntata di queste "regole":

1° Regola = Longevità  . . . o del riciclo intelligente  

Longevità . . . o del riciclo intelligente

Consigli semiseri per scrivere divertendosi
e senza stress sul vostro blog!

 

Ecco qua, rivisitate ad uso e consumo del mio blogghettino, alcune delle “regole” che ho trovato in giro per il web . . . ho ristretto la rosa a due blog da cui trarre ispirazioni: uno quello di Ikaro, di cui ho già “parlato” e l’altro “Mestiere di scrivere” che ho scoperto da poco. Credo che tutti e due si riferiscano a blog, per così dire, “di lavoro” o “tematici” ovvero quei blog che trattano un ben specifico settore, dove si va per avere notizie aggiornate su questo e su quello. 
Non è il caso del mio blog di sicuro, in questo spazio, così come nella mia casa, c’è un po’ di tutto . . . cose più importanti, cose più leggere, cose allegre e qualche volte, cose tristi, ognuno sceglie quello che vuole a suo piacere . . . non scordandovi che io scrivo sempre sorridendo, come spero che, sorridendo, voi leggiate.

Longevità (o del riciclo di post): qua non si butta via niente . . . 
 

a volte vi prende "l’ansia da prestazione", non sapete cosa scrivere in un nuovo post. Vorreste che questo fosse simpatico, originale e attuale? Niente problema, in realtà nessun post è troppo vecchio per un blog. Per capirlo dobbiamo pensare che ogni giorno ci sono nuovi “utenti” in internet, con età, curiosità, conoscenze, bagagli culturali ed interessi completamente diversi e differenziati.
 

Notize che noi reputiamo relativamente vecchie o semplicemente datate potrebbero essere di estrema attualità per moltissimi lettori . . . mettiamo il caso dei due post sulla canzone Romaria, io mi meraviglio sempre come dopo anni, ogni tanto salti fuori un commento su uno dei due post, l’ultimo ai primi di agosto!

Per questo, ho deciso, che una tantum, riproporrò l’inizio di qualche post che reputo “evergreen”. Incominciando proprio da Romaria . . . se qualcuno si è già stancato, può semplicemente godersi la canzone, cantata dal suo autore.


domenica, 16 novembre 2008

Romarìa . . . una magnifica ossessione!

Da Bivigliano ho riportata: i biscotti dell a sposa, tanti bei ricordi, e una “fissa” per la canzone “Romarìa”. 
L’avevo sentita già l’altra volta, ma non ci avevo dato troppo peso, questa volta, invece, mi rimbomba continuamente nella testa.
(e se volete saperne di più, cliccate sul titolo di questo vecchio post! O sui vari link sparsi per il post originale!)
 

giovedì, 19 febbraio 2009

Ancora Romaria . . . nuove notizie e nuova traduzione

 

Tempo fa, ho avuto modo di parlare di questa canzone con una persona che conosce bene il Nordeste del Brasile, (al contrario di AnnaLucia, che è Carioca, cioè di Rio de Janeiro)! E che ha una buona conoscenza delle lingue, sia del brasiliano che dell'italiano, Oltre all'inglese, praticamente non proprio un interprete, ma una persona che ha a che fare per lavoro con le varie lingue! 
Essendo io curiosa e chiacchierona (forse persino un po' narcisista),  dopo aver parlato di questo e di quello e di questa canzone, essendo impicciata col Corso, gli ho passato l'indirizzo del post che avevo fatto, e gli ho detto di darci un'occhiata, ecco cosa mi ha scritto . . . (e se volete saperne di più, cliccate sul titolo di questo vecchio post! O sui vari link sparsi per il post originale!)