Archivi categoria: colletta alimentare

Giornata della Colletta Alimentare

Ricordandovi che il Banco Alimentare non è attivo solo oggi, ma tutto l'anno! Oggi, c'è la gironata della grande raccolta . . . non avendo tanto tempo e la capacità di illustrare le cose, ho copiato questo da Graciete . . . leggetelo con calma, è lungo! INtanto, se uscite e dovete fare spesa . . .  ricordatevi di farla anche per chi non la può fare!  
 

La CollettColletta Alimentare 2010 - Io ci sarò!a 2010 conquista Chinatown. E’ una delle particolarità dell’evento che si terrà sabato nei supermercati dell’intera Penisola, su iniziativa del Banco alimentare, che quest’anno sarà in grado più che mai di coinvolgere tutta l’Italia. Inclusa quella che parla cinese, grazie ai volantini stampati in lingua orientale e diffusi a Prato per sensibilizzare una delle comunità immigrate più numerose nel nostro Paese. Varcando così una nuova frontiera, dopo quella dei ragazzi musulmani di Porto Franco, che anche quest’anno daranno il loro contributo come volontari. E la Colletta alimentare non varcherà solo tutte le barriere culturali possibili e immaginabili, ma anche le spesse mura del carcere e delle celle d’isolamento, per raccogliere il contributo degli ergastolani di quattro penitenziari di due regioni diverse.

Ma tra i volontari ci sarà anche John Elkann, presidente Fiat e primogenito di Margherita Agnelli e di Alain Elkann, che farà la spesa per il Banco Alimentare a Torino. Anche se l’aspetto più inedito della Colletta 2010 è il suo approdo nella Chinatown di Prato, per volontà del Banco alimentare della Toscana. Finora nessuno dei cinesi che vivono stabilmente nel nostro Paese ha mai partecipato come volontario del Banco alimentare, a differenza di alcuni studenti universitari giunti in Italia con il progetto Marco Polo.

Tra di loro c’è Giuliana Chan, originaria di Macao, iscritta al corso di laurea in Beni artistici di Firenze, che quest’anno parteciperà nuovamente alla Colletta dopo l’esperienza dell’anno scorso. «La prima volta che me l’hanno proposto ho deciso di provare, anche perché non richiedeva tanto tempo – racconta Chan a Ilsussidiario.net -. Come modalità di donare, quella della Colletta è diversa, perché alle persone non è chiesto denaro ma un bene primario come il cibo. E questo suscita subito fiducia, perché è come aiutare un vicino di casa rimasto senza pasta o senza farina. E’ naturale farlo, ed è una cosa molto semplice ma che può risolvere la situazione di chi è in difficoltà».

Per questo Chen ha scelto di tornare, anche perché «aiutare le persone in difficoltà è qualcosa che dà soddisfazione e gioia, ed è un’esperienza che può comprendere chiunque. Sia italiano o cinese, cristiano o di un’altra religione».  (continua qui)

 


 

Annunci

Anche quest'anno

Sabato, quando fate la spesa,ricordatevi, anche con un piccolo acquisto di chi ha meno di voi, perché ci sono persone che hanno meno, molto meno, di altre.

Per questi nuovi e vecchi poveri, ci sono molte opportunità di essere aiutati, e chi li aiuta, è aiutato a sua volta, tra gli altri,  dalla Fondazione Colletta Alimentare

 

Quest’anno non parteciperò attivamente alla raccolta, ma farò la mia parte nell’acquisto, ricordandomi che :

——–>  Bisogna attenersi scupolosamente ai prodotti suggeriti (e c’è un perchè, stoccaggio, usanze alimentari, ecc)

——–> Non occorre acquistare prodotti di "marca" vanno benissimo 2 scatolette in più della marca del supermercato (spesso, se leggete gli indirizzi di fabbricazione, conforntandoli con quelli delle grandi marche, avrete delle sorprese) rispetto al tonno dalla pinna gialla di pubblicitaria memoria (quando la pancia è vuota l’importante è mangiare)

——–> Devo verificare le scadenze dei prodotti che acquisto: talvolta capita che i supermercati mettano in prima fila prodotti che scadono tra un mese, mentre il Banco consegna i prodotti nell’arco di un anno, voglio evitare che quando tocca al MIO barattolo di pelati questo sia già scaduto!

——–> Di solito i nostri cuori sono toccati più dai prodotti per i bambini che per gli adulti, credo sia fisiologico però tenete conto che un bambino per stare bene ha bisogno di genitori in forza che lo accudiscano quindi bene latte, pannolini ed omogenizzati ma non dimenticate la pasta, i pelati, il tonno, l’olio, la farina, lo zucchero, ecc.

Con queste poche regole ben chiare in testa, sono sicura di fare una buona spesa, per me e per chi ne ha bisogno, pensateci anche voi!

Colletta Alimentare!!!

C’era una foto, ma non si vede, devo risolvere un piccolo problema di comprensione fra me e il PC! Poi, la rimetto . . .

Io c’ero, stamattina, dalle 10 alle 13, a porgere sacchetti gialli, a chiacchierare con la gente, a ringraziare!

Non abbiamo avuto vita facile, era un  hard discount! Ma per fortuna, non abbiamo trovato gente maleducata! Al massimo, cinicamente sfiduciata!

"Già fatto!" (anche alle 8,30, orario in cui aprono i supermercati)
"Le mie figlie, come voi, tutte e due!" (se era vero o no, vallo a sapere!)
"Non ho tempo!" (e poi, si fermano a parlare, con qualcuno, un po’ più in là!)
"Non ci credo!" (e che Dio te la mandi buona!)
"E poi, a chi va ‘sta roba??? (dell
a serie: "non me la raccontate giusta")
"Non mi serve niente!" (sì, un cervello nuovo!, Mica vendiamo qualcosa!)
"Sono cattivo!" (la più simpatica, detta sorridendo! W la sincerità)
"Non so se ho i soldi!" (a dir la verità, una poi, ha comprato qualcosa, uno, si è allontanato scusandosi a profusione e gli altri, con questi chiari di luna, quasi sicuro che dicevano la verità!!!)
"Già fatto, in un altro supermercato . . ." (e probabilmente è così, hanno anche il volantino con il "grazie" . . ma ci siamo chieste, ‘sta gente quanti supermercati gira???)
"Devo comprare solo una cosa" (bè, comprane due, u
na ciascuno!)
"No, Grazie!" . . . "No, no, lasci stare!" . . . "No, oggi no!" (e quando???)

Questa una selezione delle risposte negative!!!

Quelle positive, iniziavano da prima, con un sorriso!!!

Grazie a tutti!!!