Tanto tu torni sempre – Venerdì del libro 11

Mi è stato offerto (a prezzo stracciato) dalle “offerte del Kindle” di Amazon. L’ho comprato per non più di 2,99 in formato e-book, qualche giorno primo o dopo la “giornata della Memoria”. Poi l’ho lasciato lì.

tanto-tu-torni-sempre-la-storia-di-ines-figin-l-bgvgqjCliccando qui potete vedere il video dove la Ines racconta di quei giorni

L’altra sera finito di controllare i messaggi di Whatsapp sul tablet, avevo ancora qualche neurone acceso e sono andata sulla biblioteca degli e-book. L’ultimo libro lasciato a metà, l’ultimo libro comprato a 0,99 (un romanzo rosa) e poi questo . . .  l’avevo preso perché quel periodo e quelle esperienze mi interessano tanto (qualcuno dice “troppo”!), l’avevo lascito intonso perché mi angoscio sempre a leggere, ma quella sera, quella copertina sembrava chiamarmi . . . l’ho iniziato e l’ho finito, compresa l’introduzione, l’appendice e i ringraziamenti! 🙂

La storia è presto raccontata:“Ines Figini aveva meno di 22 anni. Non era ebrea, partigiana o antifascista, ma si era schierata a favore di alcuni compagni di lavoro durante uno sciopero. Così finì nei lager di Mauthausen, Auschwitz-Birkenau e Ravensbrück e infine in un ospedale militare, dove trascorse un anno e mezzo (…) È la storia di una persona a cui il lager non ha rubato l’anima e che ha ripreso a vivere. (…) che, nonostante tutto, ha perdonato. ”  Ma il bello è scoprirla pagina dopo pagina! 

Le 150 pagine del testo cartaceo, lievitano sul tablet (anche perché io siccome che so’ ciecata uso un carattere grande, leggendo la sera tardi, riposante), ma la lettura scorre veloce, non riesco a metterlo giù, intorno a me la casa silenziosa si riempie dei fantasmi di chi non è tornato, le urla dei deportati, dei condannati alle camere a gas, dei soldati tedeschi, dei parenti che la vedono tornare a casa . . . vado avanti con Ines, come fossi lì accanto a lei, fino alle ultime pagine. E mi addormento senza nemmeno controllare l’ora! 

Lo consiglio! Vivamente. M’è piaciuto tanto.
Niente vittimismo, niente recriminazioni, ma scoprire che davvero, siamo tutti fratelli nella sventura e nella gioia . . .
Il “male” non seleziona chi deve soffrire . . .
Il male è ottuso e spietato.
Ma qualcuno è fortunato e ce la fa a batterlo.

Vi metto qui, il link a un’intervista alla protagonista di questa storia, se non trovate il libro, lei racconta tutta la sua peregrinazione.

Con questo post, Fiordicactus partecipa al Venerdì del libro di Homemademamma

Advertisements

2 thoughts on “Tanto tu torni sempre – Venerdì del libro 11

Benvenuti nel mio blog.

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...